cerca

Crozza a Sanremo

Ho visto Sanremo, lo ammetto, e tenedenzialmente lo guardo ogni anno. Aspettavo Crozza, non lo trovo irresistibile ma ultimamente mi ha fatto ridere.

13 Febbraio 2013 alle 10:07

Ho visto Sanremo, lo ammetto, e tenedenzialmente lo guardo ogni anno. Aspettavo Crozza, non lo trovo irresistibile ma ultimamente mi ha fatto ridere. Poi c'erano le polemiche, le censure, insomma ero curioso di sentirlo e volevo farmi due risate. Devo ammettere che l'imitazione del Cav., sebbene già vista, non mi è dispiaciuta; la canzone funzionava, anche se non era roba da rotolarsi per terra. Alla fine del primo sketch, prima della contestazione, l'impressione dalla tv era che comunque gli applausi fossero freddini, e che i fischi non arrivassero solo dai due contestatori fascisti-berlusconiani-già noti-pagati, ma anche da qualcuno di più. Fatto sta che poi la contestazione è degenerata (va bene fischiare durante lo show, secondo me, ma impedirne la prosecuzione è troppo) e Crozza è andato totalmente nel pallone, tanto che è dovuto intervenire Fazio, il quale è riuscito a compiere il capolavoro di chiedere al pubblico di non approfittare del festival per buttarla in politica. Geniale.

Eliminato il contestatore, lo show è andato avanti nervoso, con imitazioni bruttine (salvo, personalmente, Ingroia e LCdM) e risate sforzate del pubblico simpatizzante. Crozza non è riuscito a uscire dall'imbuto in cui si è cacciato con i fischi ricevuti (e dire che al Festival si è visto di peggio). Ha fatto tutti sketch già visti a "Ballarò", ma con una differenza che forse Fazio e Crozza non avevano considerato: il pubblico di Sanremo non è il pubblico di "Ballarò" o di "Che tempo che fa". Insomma, ieri Crozza non faceva ridere, e non solo per colpa della contestazione, e mi sembrano risibili i commenti di chi oggi cerca di far passare lo spettacolo come un capolavoro rovinato dai fischi (i quali fischi, come noto, sono fascisti se indirizzati a chi contesta Berlusconi, ma indice di grande libertà se indirizzati a Berlusconi).

Come da molti anni a questa parte, poi, la musica a Sanremo è stata un riempitivo tra un "culo" della Littizzetto (che a me comunque fa ridere) e una pubblicità. Sanremo ci ha abituati a grandi recuperi dopo le prime serate "sbagliate", vedremo se anche quest'anno è così.

Ciò detto, gli ascolti hanno premiato Fazio e Littizzetto (oltre 14 milioni), e questo farà aprire l'eterno dibattito su Sanremo che è sempre Sanremo nel quale non voglio addentrarmi.

P.S. Sono convinto che se l'imitazione di Berlusconi fosse stata fatta alla fine dello sketch non sarebbe successo nulla di tutto ciò.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi