cerca

"Moriremo di caldo"

Hanno perso le speranze?

Segui Piero Vietti su Twitter

30 Novembre 2011 alle 10:54

Alla Stampa hanno già perso le speranze: solo due giorni fa titolavano che c'era ancora una possibilità per salvare il pianeta dalla cottura. Oggi invece propongono ben due pagine niente male: in una, pagina 19, Luca Mercalli spiega che non ci sono più le mezze stagioni, nell'altra, la 18, non si dà più nessuna possibilità al pianeta: "Moriremo di caldo", è l'incipit sicuro e sobrio dell'articolo di Raffaello Masci, che dice chiaramente come non ci sia più nulla da fare per uscire dal tunnel dell'arrosto.

Prima di suicidarvi, però, leggete cosa si dicevano un po' di scienziati catastrofisti qualche tempo fa sulle temperature da abbassare: la storia dei 2 gradi in più o in meno non ha nessun fondamento scientifico neppure per loro.

Insomma, il problema è il solito: il clima cambia, questo è evidente, ma il punto è quanto cambia per colpa nostra e soprattutto se siamo certi che l'andazzo sarà sempre peggio oppure la ruota girerà. Se fosse vero, come molti sostengono, che i cambiamenti climatici hanno variazioni multidecadali (ogni tot decenni cambiano di nuovo) non sarebbe forse meglio adattarsi ai cambiamenti in atto invece che impuntarsi su "abbassare il termostato" del pianeta con protocolli come quello di Kyoto a cui non credono nemmeno i suoi più accesi sostenitori?

Segui Piero Vietti su Twitter

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi