cerca

Sullo stadio nuovo della juve

Bello, bellissimo, roba da invidiare la juve per una volta nella vita. Ma…

Segui Piero Vietti su Twitter

9 Settembre 2011 alle 11:24

Bello, bellissimo, roba da invidiare la juve per una volta nella vita. L'inaugurazione – fatta eccezione per la passerella di ex e il duetto comunque bello ma un po' da Ale e Franz tra Boniperti e Del Piero – non c'entrava nulla con il calcio: un grande spettacolo circense e basta (ma non è una novità in casa juve fare cose che col calcio non c'entrano), ma è stato un grande evento. Uno stadio da 41 mila posti che però i tifosi juventini non sono riusciti a riempire nemmeno all'inaugurazione (e dire che c'erano anche parecchi biglietti omaggio), dimostrando ancora una volta che il calcio è sempre più spettacolo televisivo e che la juventus ha più tifosi nel resto d'Italia che a Torino. Agnelli poi ha voluto mettere nello show tutti gli ingredienti della storia bianconera, dagli esordi a oggi, per questo forse l'arbitro si è sentito in dovere di partecipare alla festa regalando ai padroni di casa un rigore inesistente (storico marchio di fabbrica della casa).

A chi ieri su Twitter mi dava del rosicone dico che sì, rosicavo a vedere la seconda squadra di Torino essere riuscita a fare – bene e in fretta – quello che più in piccolo il Torino non riesce a fare da anni: uno stadio di proprietà, che trasuda storia e identità anche nei bulloni della copertura del campo. Ieri il sindaco di Torino, Fassino, ha detto (tra i fischi) che la città sarà sempre vicina alla Juventus. Come se non ce ne fossimo accorti.

Negli ultimi vent'anni i sindaci torinesi sono tutti stati tifosi del Torino. Ma tutto quello che hanno saputo fare è stato demolire lo stadio storico dei granata, il Filadelfia, impedire con problemi burocratici che venisse ricostruito, cercare di vendere quel terreno per farci un parcheggio (o cose simili) e regalare (REGALARE) il Delle Alpi alla juventus. Juventus che grazie al credito sportivo e agli sponsor si è rifatta lo stadio.

Qualcuno ricordi a Fassino (il primo sindaco che da anni non si fa bello dicendo di avere il cuore granata, magari è la volta buona) che il comune dovrebbe stare vicino anche alla prima squadra della città, e magari permettergli di ricostruire il Filadelfia, per farne anche solo il campo d'allenamento di tutte le squadre, dai pulcini alla prima, come era un tempo e come io ho ancora avuto la fortuna di vedere (e di giocarci). Applausi dunque alla juve per lo stadio nuovo (con l'augurio di perderci tante partite), ma "sveglia!" al sindaco, al consiglio comunale di Torino e al presidente Cairo: dopo anni di retorica e false promesse, mi sembra che i tifosi granata meritino lo stesso trattamento di quelli bianconeri. E forse lo stadio lo riempirebbero anche.

Segui Piero Vietti su Twitter

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi