cerca

Il Web tra spazzatura e rivoluzioni

Chi fa il pensiero dominante?

Segui Piero Vietti su Twitter

13 Luglio 2011 alle 16:59

Ancora dal rapporto del Censis su come gli italiani si informano "nell'era digitale" (che brutta espressione):

• L’83,8% del campione riconosce a Internet il merito di permettere a chiunque di esprimersi liberamente. Al tempo stesso, l’83,3% lamenta il fatto che nel web circola troppa “spazzatura”, riferendosi a blog e video fatti in casa. Quello che viene riconosciuto come il merito principale della rete si trasforma nel suo più grande limite: permettere a tutti di esprimersi liberamente fa sì che sulla rete circoli anche materiale di dubbia qualità.

Ma la cosa più interessante è un'altra:

• Strettamente connessa al tema della libertà di espressione che il web concede a chiunque è l’opinione secondo la quale la rete è un potente mezzo al servizio della democrazia: il 76,9 per cento degli italiani si è dichiarato “molto” o “abbastanza d’accordo” con tale giudizio. E a tutti è noto il ruolo avuto da Facebook e Twitter come “ripetitori” in Occidente delle voci e delle immagini del dissenso in Stati governati da regimi autocratici.

Da quest'ultimo punto si capisce una cosa: i giornali saranno anche in crisi, ma continuano a determinare il pensiero dominante: che Internet sia fondamentale per la democrazia e che Facebook e Twitter facciano le rivoluzioni ce lo hanno detto (e fatto credere, perché nessuno ha controllato di persona) loro.

Segui Piero Vietti su Twitter

Altri link

Giovani e istruiti o niente

Come vi informate? / 2

Come vi informate? / 1

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi