cerca

Hanno vinto i più forti (purtroppo)

 C'è poco da fare, se non inchinarsi di fronte ai più forti.

Segui Piero Vietti su Twitter

29 Maggio 2011 alle 11:45

C'è poco da fare, se non inchinarsi di fronte ai più forti. Ha vinto il Barcellona, forse la migliore squadra al mondo, ha perso lo United, l'unica che aveva le carte in regola per fermare i fenomeni di Guardiola. Non ce l'hanno fatta, non è bastato un gran gol di Rooney, servito alla grande dall'unico lampo di Giggs, che è apparso distratto, di colpo vecchio, sicuramente spaesato fino a che non è stato spostato a sinistra (ma era troppo tardi). La faccia di Ferguson a fine partita diceva tutto. A settant'anni da compiere, il manager scozzese aveva scritto sul volto che non lascerà il calcio fino a che non la vincerà di nuovo, questa dannata coppa, meglio se contro il Barcellona. Due sconfitte così in tre anni piegherebbero chiunque. Ma Sir Alex saprà come ricominciare. Il Manchester non è riuscito a compiere il capolavoro, rivincere la coppa dei campioni a Wembley, come fece nel 1968 per la prima volta. I suoi tifosi sapranno perdonare. Quando Giggs vinse la prima Champions League, nel 1999 contro il Bayern Monaco, pianse. Quando sconfisse il Chelsea ai rigori nel 2008, portando a casa la seconda coppa, no. Era cresciuto, disse allora. Ieri sera è andato ad applaudire i suoi tifosi a fine partita assieme a Rooney. Piangevano entrambi.

Segui Piero Vietti su Twitter

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi