cerca

Un anno senza Lost

Fuori i fazzoletti, su.

Segui Piero Vietti su Twitter

23 Maggio 2011 alle 19:36

Come segnalato e ben documentato dal Post (e da me questa mattina su Twitter), un anno fa finiva una delle serie tv più belle e significative della storia della televisione: Lost. Sei stagioni e una mole biblica (è il caso di dirlo) di personaggi, storie e significati. Un esperimento unico nella storia di telvisione d'intrattenimento che ha raccolto un successo inimmaginabile all'inizio. Una storia racontata come un romanzo medievale, come disse una volta al Foglio Aldo Grasso, che andrebbe forse studiata per anni, fino a coglierne i significati più profondi. Di sicuro, una storia che ha cambiato il modo di fare fiction in televisione. Nel mio piccolo ne ho parlato sul Foglio. Così:

Perché “Lost”, intrattenendo, ha portato in tv le domande fondamentali

Lost in translation 

Segui Piero Vietti su Twitter

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi