cerca

Quando la vita è più cinica della politica

E' il caso di una storia cominciata in farsa, proseguita in trionfo e finita in tragedia.

Segui Piero Vietti su Twitter

20 Maggio 2011 alle 16:35

La vita sa essere ancora più cinica della politica. Certamente più indecifrabile e misteriosa. E' il caso di una storia cominciata in farsa, proseguita in trionfo e finita in tragedia. E' la storia di Domenico Coppola, candidato sindaco "civetta" a Torino, che sfruttando l'omonimia con il candidato del Pdl, Michele Coppola, si è presentato sostenuto da diverse liste tra cui Forza Toro, Lega padana e Lista del Grillo (con conseguenti attacchi e polemiche). Al primo turno era arrivato a prendere quasi il 4 per cento delle preferenze, i maligni dicono soltanto grazie all'omonimia. Fatto sta che era stato eletto in consiglio comunale. Ieri sera, dopo avere assistito al saggio scolastico di una delle figlie, aveva festeggiato con un brindisi la storica elezione. Nella notte, un forte mal di testa. L'arrivo pronto dell'ambulanza non è servito a nulla. Domenico Coppola è morto all'alba di questa mattina a sessant'anni. Il sindaco neoeletto Piero Fassino ha deciso di spostare la data della sua festa per rispetto del dolore della famiglia. Il suo posto in comune, probabilmente, sarà preso dal secondo più votato della lista. Denis Martucci. Detto "Coppola".

Segui Piero Vietti su Twitter

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi