cerca

Il "Pd forte" di Bersani e le preferenze di Pisapia

Giochetto matematico interessante.

Segui Piero Vietti su Twitter

17 Maggio 2011 alle 19:18

Quello che sto per fare è un giochetto matematico, non tiene conto di molte variabili e non ha particolare valore di analisi politica. Ma dopo avere letto che Bersani chiede le dimissioni del governo perché da queste elezioni (Milano in testa) è emerso "un Pd forte", andate a vedere quante preferenze ha preso Pisapia (315.862) e quante ne prese cinque anni fa Bruno Ferrante, sconfitto al primo turno da Letizia Moratti (319.487).

Avete letto bene: ne ha prese di più Ferrante. In sostanza: quelli che allora votarono Ferrante hanno votato Pisapia. Non uno di più, semmai qualcuno di meno. Nessuna rivolta, né vento del nord che cambia, si direbbe.

Non so se il Pd è diventato più forte; mi sembra, più semplicemente, che la Moratti non abbia convinto i milanesi. E che i suoi elettori non l'abbiano più votata.

Segui Piero Vietti su Twitter

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi