cerca

Fa caldo. Anzi no, fa freddo

Ma è sempre colpa sua.

Segui Piero Vietti su Twitter

4 Aprile 2011 alle 13:00

Fa caldo, anzi no, fa freddo. Gli atolli affondano, anzi no, si sollevano. La corrente del golfo accelera, anzi no, rallenta. La nebbia diminuisce, anzi no, aumenta. La colpa, comunque, è sempre sua: del global warming, naturalmente. Breve antologia delle follie da cambiamento climatico.

Segui Piero Vietti su Twitter

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi