cerca

Che fine farà l'Università italiana?

A proposito dei dati usciti oggi.

 

Segui Piero Vietti su Twitter

8 Marzo 2011 alle 12:27

Oggi sui giornali ci spiegano che l'Università italiana è in crisi, le iscrizioni sono in calo. I problemi? Far studiare i figli costa e il lavoro è sempre più difficile da trovare, quindi lo si cerca subito dopo il diploma e non dopo 3 o 5 anni.

Sorvolando sul fatto che c'era addirittura chi non voleva alcuna riforma (questi dati sono il frutto dell'Università prima di Gelmini, non colpa del ministro dell'Istruzione), ci sono eccezioni interessanti: crescono gli iscritti negli atenei privati e trova lavoro chi studia in facoltà a numero chiuso. Aggiungendo delle borse di studio serie e una valutazione ben fatta degli atenei, non è forse questo un inizio di strada da seguire? Anche perché la qualità c'è, se è vero che chi va all'estero trova lavoro facilmente (e viene pagato di più).

Segui Piero Vietti su Twitter

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi