cerca

Ossessionati o più intelligenti?

Il mondo ossessionato da Facebook è più intelligente grazie a Google?

Segui Piero Vietti su Twitter

24 Febbraio 2011 alle 13:52

Gira in rete questo video qua sotto nel quale, in pochi secondi e con qualche numero, si spiega che viviamo in un mondo ossessionato da Facebook. Controllare il proprio profilo come prima cosa appena svegli è la nuova preghiera laica del mattino per milioni di utenti, e secondo l'autore del video in tanti parlano più sul social network creato da Zuckerberg che nella vita reale.

Da una parte è inquietante, vero, dall'altra c'è ad esempio il dato sempre più crescente di chi trova news su Facebook (l'abbiamo sempre detto: i giornali non moriranno mai, si evolveranno in modalità diverse), tanto che Fb è una delle principali sorgenti di traffico per tutti i quotidiani on line.

Insomma, "sempre connessi" non vuol dire per forza essere più stupidi, asociali o fuori dalla realtà.

Ieri sulla Stampa Derrick de Kerckhove, uno dei massimi esperti di comunicazione su Internet, spiegava che

"la generazione 'always on' (sempre connessa, ndr) è caratterizzata dall’essere costantemente raggiungibile grazie al proprio dispositivo mobile. Vive in una condizione di fiducia e disponibilità, in una sorta di dialogo incessante con il mondo. E' anche una generazione iperstimolata, composta da drogati di informazione e connessione che hanno bisogno di far circolare e ricircolare informazioni dalla mente biologica a quella delle reti. Costruisce la propria identità online attraverso i social media e vive dell’eccellente reputazione che riesce a procurarsi curando il proprio profilo e i propri contatti. E' quasi letteralmente 'inserita' nella mente accresciuta".

Forse de Kerckhove è un po' troppo idealista (c'è gente davvero alienata che vive la Rete, anche se non vedo troppa differenza da chi è alienato nel "mondo reale"), ma mi sento di condividere la sua risposta alla famosa domanda posta dall'Atlantic qualche anno fa: Google ci rende più stupidi?. "Stupido è chi non usa Google". Che ne dite?

Segui Piero Vietti su Twitter

Piero Vietti

Piero Vietti

Nato a Torino nel 1981. Caporedattore, ha seguito e segue lo sviluppo digitale del Foglio, in cui lavora dal 2007. Ha un passato teatrale e radiofonico e un presente intenso. Per il futuro si sta organizzando con la necessaria ironia. Sposato, ha tre figli. Cuore granata.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi