cerca

Il global warming non esiste più

Parte il concorso/sondaggio.

22 Settembre 2010 alle 15:24

Come spiegato da diversi siti e blog americani, la Casa Bianca ha fatto partire una nuova offensiva: John P. Holdren, consulente scientifico di Obama, ha spiegato che “global warming” è un termine “pericolosamente improprio”. Il rischio è che di fronte a una nevicata la gente cominci a pensare che "tutto questo riscaldamento alla fine non c'è". Bisogna correre ai ripari, secondo Holdren, bisogna che la gente cominci a parlare di “sconvolgimenti climatici globali”. Io a questo punto mi associo a Anthony Watts e lancio il sondaggio: dopo "global warming", "climate change" e "global climate disruption", quale sarà il prossimo vocabolo catastrofista?

Segui Piero Vietti su Twitter

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi