cerca

Lunga vite al global warming

Quest'anno c'è da bere parecchio per dimenticare i dispiaceri che ci dà il clima.

Segui Piero Vietti su Twitter

30 Agosto 2010 alle 12:27

Quest'anno c'è da bere parecchio per dimenticare i dispiaceri che ci dà il clima. Pare che, nonostante il clima impazzito – le parole non sono mie – quest'anno la vendemmia sarà tra le  migliori e più abbondanti degli ultimi anni. "La vite è più forte del global warming", ci spiegano gli esperti. Devo ammetterlo: sono affascinato da questo circo.

Per mesi (anni) leggiamo che il riscaldamento globale rovinerà le coltivazioni e non berremo più vino. Poi scopriamo che il vino ci sarà, e in abbondanza. Il ragionamento normale sarebbe: "forse sto global warming allora non è così forte", no? E invece con meravigliose arrampicate sugli specchi ci dicono che "la vite è più forte del clima". Ma c'è ancora una cosa: perché continuiamo a preoccuparci tanto del "clima impazzito" a questo punto? Se riescono ad adattarsi gli acini d'uva, perché non dovremmo farcela noi?

Segui Piero Vietti su Twitter

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi