cerca

Anche il Wall Street Journal si scalda

Cambi di stagione non è più solo.

29 Giugno 2009 alle 18:18

Oggi questo articolo occupava ben mezza pagina del Wall Street Journal. In breve: "E' cambiato il clima attorno ai cambiamenti climatici". Noi qui lo diciamo da tempo, ma dà sollievo leggerlo su un quotidiano così autorevole e certamente non "negazionista" sulla questione. Il succo è che sempre più scienziati e persone non credono che i cambiamenti climatici siano dovuti all'uomo. La "riscossa" parte dall'Australia che, proprio mentre l'America (a fatica) approva il piano per la riduzione delle emissioni di CO2, sta per cancellare il suo piano di riduzioni. Il merito (o la colpa) è anche di Steve Fielding, un politico australiano che per diverso tempo ha cercato di capirci qualcosa: non avendo trovato nessuno che sia riuscito a convincerlo veramente delle reali colpe dell'uomo nei cambiamenti del clima, ha votato contro il piano di "lotta" al global warming, temendo anche possibili perdite di posti di lavoro dovute alla "poco convincente scienza verde" (come accade in Spagna da tempo). Ma è tutta l'Australia che pian piano sta cambiando idea sull'argomento, anche grazie al successo di Ian Plimer (di cui abbiamo già parlato qua), un geologo autore di diversi libri "scettici" sull'argomento, l'ultimo dei quali, "Heaven and Earth" è già arrivato alla quinta ristampa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi