cerca

Calde notti (e giorni) a Londra

Agli inglesi piace caldo?

26 Giugno 2009 alle 17:10

Che il global warming sia anche (quando non soprattutto) un affare per certe industrie e molti governi (i quali possono tassare a piacimento i gas di scarico e le flatulenze delle mucche senza che la gente protesti, d'altra parte o è così o il mondo brucerà…) è cosa nota anche se non troppo detta. Il punto è quando certe previsioni si ritorcono contro gli stessi sostenitori della necessità di ridurre la CO2 per evitare il riscaldamento. Grazie a Maurizio Morabito leggiamo questo report catastrofico del governo britannico (rosso fuoco anche nell'impaginazione Internet, così per far caldo anche agli occhi). Con tutte queste emissioni la temperatura salirà, bisogna cambiare, diventare più verdi (occhio a non finire come la Spagna, però).

Ma c'è un ma. Come ha scritto qualcuno, se le previsioni si avverassero, l'Inghilterra diventerebbe un paese mite, quasi come la Provenza francese (com'era peraltro qualche secolo fa). Quindi? Viva il global warming, e guai a dimnuire le emissioni. O no?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi