cerca

Il Cav. ineleggibile (come un negazionista)

Il Partito socialista europeo ha inserito il Cav. tra i peggiori possibili futuri eletti al Parlamento europeo.

1 Giugno 2009 alle 13:51

Leggiamo qua che il Partito socialista europeo ha inserito il Cav. tra i peggiori possibili futuri eletti al Parlamento europeo. Normale tattica pre elettorale (al di là del solito sentirsi "superiore" di certa sinistra che non ha ancora capito che comincerà a vincere il giorno che smetterà di fare così), certo, ma è curioso che i motivi di "ineleggibilità" di questi dodici personaggi (conservatori, liberali e di destra) siano la "negazione dell'olocausto" per alcuni, "l'espressione di opinioni offensive o assurde"  per altri, la "contestazione di come l'Ue affronta la disoccupazione" e, naturalmente, "l'aver messo in discussione i cambiamenti climatici" (è il caso, ad esempio, del ceco Hynek Fajmon). Ora, mettere sullo stesso piano la negazione dell'olocausto, i dubbi sul global warming e l'esprimere opinioni assurde (assurde per chi?) fa quasi ridere, ma ritenere pericoloso se eletto un politico che – come moltissimi scienziati qualificati in tutto il mondo – non ripete la vulgata che dice che il clima cambia per colpa dell'uomo, chissà perché ci fa un po' meno ridere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi