cerca

Senti chi Zanda

"L'approvazione con i voti dei senatori del Pdl di una mozione sul clima che sostanzialmente nega la gravita' della crisi ambientale e sbeffeggia le analisi della comunita' scientifica, mette l'Italia fuori dal mondo". Lo dichiara il vicepresidente dei senatori del Pd Luigi Zanda.

1 Aprile 2009 alle 20:18

(Adnkronos) - "L'approvazione con i voti dei senatori del Pdl di una mozione sul clima che sostanzialmente nega la gravita' della crisi ambientale e sbeffeggia le analisi della comunita' scientifica, mette l'Italia fuori dal mondo". Lo dichiara il vicepresidente dei senatori del Pd Luigi Zanda che continua: "davanti all'unanimita' del consenso scientifico mondiale sulle gravi conseguenze sull'ambiente e sull'uomo dovute ai cambiamenti climatici, il comportamento negazionista del governo e della maggioranza raggiunge vertici tra il comico e il surreale". "Presentare e approvare nel 2009 una mozione nella quale problemi centrali per il futuro della Terra, il clima e l'ambiente, vengono rappresentati come sostanzialmente inesistenti e' una scelta miope e dannosa. Facendo esattamente il contrario dei governi di tutto il mondo, siano di destra o di sinistra, che hanno deciso di affrontare prioritariamente questi temi investendo in studi, ricerche, sperimentazioni e soprattutto in politiche concrete, serie concordate su scala globale". "Scienziati, climatologi, Premi Nobel ed esperti possono anche non essere sempre d'accordo sulla tempistica e le dinamiche dei mutamenti o sulle specifiche strategie da porre in essere per affrontarle. Pero' - conclude Zanda - nessuno, tranne i senatori del centrodestra, giunge a negare la gravita' dei mutamenti climatici e le gravita' dei rischi che ne conseguono per la vita dell'uomo, anche in termini sociali ed economici".

Nessuno, nessuno? Qui a Cambi di stagione non ne siamo così convinti… Tanto per cominciare, leggete qua. Seguiranno altre citazioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi