La "sentenza Lorenzoni" può segnare l'ormai prossima battaglia sui vitalizi

Il fatto che il Senato sia un organo costituzionale e al suo interno ci sia un sistema di regolazione sottoposto alle decisioni di un sinedrio interno all’istituzione, potrebbe complicare (e non poco) il facile populismo di Lega e M5s

3 Aprile 2018 alle 06:00

La "sentenza Lorenzoni" può segnare l'ormai prossima battaglia sui vitalizi

Prepariamoci alla battaglia sui vitalizi che, con le recenti votazioni dei membri degli uffici di presidenza di Camera e Senato, vedrà protagonisti i 5 stelle e la Lega. La faccenda è però complicata e non sarà risolvibile con gli slogan. Tra gli esperti della questione si cita una sentenza della Corte costituzionale, la “sentenza Lorenzoni” datata 2017 che ha per oggetto la controversia fra il dipendente del Senato geometra Pietro Lorenzoni e gli uffici della camera alta che gli avevano negato un avanzamento di grado dovuto per la mansione svolta. Insomma una causa di lavoro fra le più classiche con una differenza rispetto a una normale azienda, anche statale. Il Senato è un organo costituzionale e al suo interno vige un sistema di regolazione non sottoposto alla legge ma alle decisioni di un sinedrio interno all’istituzione. La sentenza che riguarda il geometra, pur non dandogli ragione nel merito, istituisce un principio importante. L’autodichia, che è il termine col quale i giuristi definiscono l’autonomia di giudizio degli organi di presidenza delle camere, pesa fino a un certo punto. Per esempio vale sicuramente per i dipendenti ma non per i rapporti che l’istituzione intrattiene con terzi. In tal caso non si potrà prescindere dalla giustizia ordinaria. L’esempio che la sentenza propone è quello del sistema degli appalti dove, sostiene la sentenza della Consulta, l’autodichia deve trovare un limite, un paletto. In base a questa sentenza sarà inevitabile una pioggia di ricorsi, prevedibilmente accolti, di ex parlamentari o loro vedove, contro il taglio o l’abrogazione dei vitalizi loro concessi. Finirà nel nulla ma forse basterà il molto rumore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • fabriziocelliforli

    03 Aprile 2018 - 12:12

    Non sono un filosofo del diritto nè Solone nè Salomone . La mia opinione sulla giustizia (e qui parto malissimo : una contraddizione in termini più un inciso fra parentesi) umana, ovviamente, è che il relativismo giuridico è una delle fonti potenziali di ingiustizie. Un articolo della nostra Costituzione recita che tutti i cittadini sono uguali davanti alla legge. delle due l'una: o tutti i cittadini lavoratori hanno le stesse garanzie dei dipendenti parlamentari, oltre che degli """eletti""" oppure portiamo gli """eletti""" ed i dipendenti parlamentari ai livelli di noi cittadini.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    03 Aprile 2018 - 10:10

    Caro Bordin, ma non sarebbe ora di finirla con questa pagliacciata sui vitalizi? Mette i brividi soltanto a me il vedere tanti politici e pure tanti suoi colleghi dedicare ore ogni giorno su giornali e Tv ad una pagliacciata ben sapendo tutti che giuricamente finirà come lei correttamente ha concluso?

    Report

    Rispondi

Servizi