cerca

Debunking Travaglio

Centocinquantamila euro per aver criticato una sentenza sono eccessivi, anche se il sanzionato è il direttore del Fatto. Niente schadenfreude, ma qualche considerazione nel merito

25 Gennaio 2018 alle 06:10

Marco Travaglio

Marco Travaglio (foto LaPresse)

Centocinquantamila euro sono tanti, una cifra che capita di vedere tutta insieme molto raramente e a molti non capiterà mai in tutta una vita. Come sanzione per aver scritto un articolo che criticava una sentenza appare francamente eccessiva. Il ragionamento non cambia, non deve cambiare, se il sanzionato è Marco Travaglio che, a memoria d’uomo, mai ha denunciato la prassi. Una prassi che vede, nelle cause di diffamazione, come minimo raddoppiare le provvisionali quando i querelanti sono magistrati. Qui niente schadenfreude, ma qualche considerazione nel merito forse è utile. La sentenza che Travaglio definì, non a torto dal suo punto di vista, un bomba a grappolo contro la tesi accusatoria del processo sulla famosa “trattativa”, risale al 2013 e vide assolti il generale Mori e il maggiore Obinu dall’accusa di aver volutamente evitato di catturare Bernardo Provenzano. L’articolo condannato lo potete trovare in rete, chiosato da Enrico Tagliaferro, sapiente debunker che si è applicato in particolare proprio all’inchiesta sulla trattativa. Tagliaferro ripropone l’articolo di Travaglio inserendo fra parentesi quadre le sue chiose e se volete potrete leggerlo in rete costruendovi una vostra opinione. I termini più frequentemente usati dal debunker sono comunque: [BALLA], [SCIOCCHEZZA], [PUTTANATA]. Qui, dove pure ci si occupò a suo tempo dell’articolo, si vuole solo ricordare che quella sentenza di assoluzione fu confermata nei successivi gradi di giudizio. Dunque se, come dice Travaglio, è stata una bomba sull’inchiesta “trattativa”, tutto si può dire tranne che la “trattativa” sia dimostrata già per sentenza, come invece Travaglio va ripetendo in televisione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    07 Marzo 2018 - 12:12

    Gli offesi i dileggiati i diffamati i calunniati da Travaglio dovrebbero sfruttare il momento favorevole delle sentenza di condanna inflittagli per aver oltraggiato dei magistrati per unirsi alla bisogna .E' sempre una buona cosa infierire contro chi è in difficoltà in specie se uno sciacallo.luigidesantis

    Report

    Rispondi

Servizi