cerca

Il blitz che dimostra la debolezza della mafia più di mille processi

Coloro chiamati a scegliere il nuovo boss sono passati da un centinaio a una ventina 

23 Novembre 2017 alle 06:25

Il blitz che dimostra la debolezza della mafia più di mille processi

Un frame del video del blitz dei Carabinieri a Santa Maria di Gesù

Il blitz di due giorni fa a S. Maria di Gesù, nella periferia orientale di Palermo, ha prodotto ventisette provvedimenti di arresto, alcuni per la verità notificati in carcere a persone già detenute. Proprio quest’ultimo aspetto fa tornare i conti con le intercettazioni sulle quali si è fondata l’operazione volta a colpire la locale famiglia mafiosa, radicata nel quartiere da decenni. I cognomi di alcuni arrestati infatti evocano antiche storie delle guerre di mafia del secolo scorso. Se si scorre la lista dei 27 si trovano due Vernengo – si chiamano tutti e due Cosimo come il capostipite, gran trafficante di droga arrestato a Napoli negli anni 80 – due Tinnirello, due Gambino, due Profeta e perfino uno Scarantino, probabilmente parente dei Profeta come lo era lo Scarantino famoso, il falso pentito del processo sulla strage di via D’Amelio. Molti di questi sono in carcere ma evidentemente ancora ritenuti membri della cosca, tutt’ora attiva ma molto ridimensionata. Infatti l’operazione si prefiggeva di impedire la riorganizzazione formale del gruppo che intendeva procedere alla nomina del nuovo capo.

 

Qui sta il conto che deve tornare, perché una intercettazione riguarda un colloquio fra due mafiosi in cui il più anziano racconta all’altro come, ai bei tempi, fossero più di cento a votare il capo famiglia “e alla fine acchianava sempre Stefano Bontate”, ucciso nel 1982. Poi ci fu il maxi processo e, dopo un declino durato 36 anni, ora, dice l’intercettato, a votare sono meno di venti. Tolti i già detenuti, i conti tornano. Non è ancora la fine della mafia ma blitz di questo tipo la accelerano molto più di certi processi senza costrutto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    23 Novembre 2017 - 14:02

    Molto bella questa Bordin-line. Certi 'processi senza costrutto' sono anzi proprio deleteri per la vera lotta alla mafia e un toccasana nonché una fonte di indicazioni preziosissime per la mafia stessa.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    23 Novembre 2017 - 12:12

    Vabbè la mafia l'abbiamo vinta ,salvo non aver trovato le centininaia di miliardi che macina ,come esperti raccontano,comunque è una vecchia storia che quando la mafia si sente troppo pressata si immerge ed attende tempi migliori,ma continua a lavorare alla grande luigi desantis.

    Report

    Rispondi

Servizi