Perché non si può dare per scontato da che parte stanno i Radicali

Costruire una lista europeista con Forza Europa è probabile ma non certo. Emma Bonino ha lasciato aperte anche altre possibilità, nel collaudato stile pannelliano 

3 Novembre 2017 alle 06:00

Cosa ha detto davvero Emma Bonino

LaPresse/Fabio Cimaglia

Il congresso di Radicali italiani, tenuto come da tradizione nel ponte di Ognissanti, non si è concluso come molti giornali, ma non questo che leggete, hanno titolato ieri, con la scelta di costruire una lista europeista insieme al movimento di Benedetto Della Vedova Forza Europa, per collegarsi a quella del Partito democratico. Ascoltando l’intervento di Emma Bonino, inevitabilmente il più autorevole, con orecchio allenato al complicato schema della dialettica congressuale radicale, ci si poteva accorgere che in fondo Bonino ha lasciato aperte anche altre possibilità, secondo il collaudato stile pannelliano. Mai Pannella, ad elezioni non ancora formalmente convocate, annunciava come si sarebbe schierato. Tutte le opzioni, compresa la non presentazione, venivano lasciate in campo e il leader diceva sempre che si sarebbe deciso “a bocce ferme”, mentre naturalmente stava scuotendo il piano del biliardo, per restare nella sua metafora. Più o meno così Bonino nel suo intervento conclusivo. La scelta prospettata dagli altri giornali è dunque probabile ma non certa. E’ certo invece che una cosa Bonino non farà. Non potrà aderire alla richiesta del segretario rieletto Riccardo Magi di modificare lo statuto per consentire la partecipazione alle elezioni con il simbolo della associazione. In un precedente congresso, con Pannella ancora vivo, quell’emendamento fu presentato e Bonino si pronunciò con grande nettezza. Se lo approvate, disse, questa non sarà più la mia associazione. Difficile, se non impossibile, un suo cambio di linea.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    03 Novembre 2017 - 14:02

    Secondo il vangelo pannelliano i così detti radicali ( radicali un pò liberali un pò anarchici ,internazionalisti,apolidi,non violenti ma violentissimi con le parole -almeno Pannella- virtuosi infino allo spasimo eccetera eccetera ....) salvo opportunismi eccezionali -con una green card sempre concessa al jollyjocker Bonino - non allearsi con nessuno e su questo buoni imitatori hanno nei grilleschi.lds

    Report

    Rispondi

  • fabriziocelliforli

    03 Novembre 2017 - 12:12

    ieri notte ho riascoltato Pannella al Costanzo Show con Pazzaglia che non si voleva iscrivere; con Costanzo che dichiarava che si sarebbe reiscritto perché il Partito Radicale deve vivere. Anzitutto: lunga vita ai Radicali!. Emma Bonino fa benissimo a non schierarsi ex-ante; non ho consigli perché ai Maestri non vanno dati consigli. Dipende dagli obbiettivi che avete: e comunque, secondo me, se anche vi democristianizzereste (in senso laico-operativo-pragmatico) un po', le Vostre idee non si stempererebbero , perché dipende dai terreni (persone) su cui cadono. un'ultima cosa: c'è bisogno di cooperare tutti per uscire dal mer..ehm..pantano in cui si sono cacciate Europa, Italia, Mondo. WE NEED YOU!

    Report

    Rispondi

Servizi