cerca

Quanto c'è dell'Unità e di Di Pietro nel M5s

Lo racconta "Supernova", che è il libro di due delusi, forse con qualche comprensibile rancore, ma non pentiti. E aiuta a capire meglio il fenomeno della ascesa grillina

9 Settembre 2017 alle 06:00

Quanto c'è dell'Unità e di Di Pietro nel M5s

Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio (foto LaPresse)

Il libro di Nicola Biondo e Marco Canestrari “Supernova” è sicuramente interessante perché ricostruisce dall’interno il fenomeno della ascesa del M5s partendo dalla start up della Casaleggio Associati, raccontata da Canestrari che vi approda da giovane blogger per poi lasciarla, deluso di vedere riprodotto un rapporto fra partito e azienda la cui critica era stata per lui la spinta a occuparsi di politica. Biondo arriva dopo, quando i 5 stelle sono entrati in parlamento, e si occupa della comunicazione del gruppo della Camera. Cronista dell’Unità, deluso dal partito, vede nel 2013, prima del voto, il comizio di chiusura romano di Grillo e Casaleggio in una piazza S. Giovanni stracolma, pensa a una svolta della storia, forse si sogna John Reed, ma l’unica emozione nell’ingresso nel Palazzo sarà una notte sul tetto di Monecitorio col testo della Costituzione e Di Battista che si fa i selfie. È il libro di due delusi, forse con qualche comprensibile rancore, ma non pentiti. Aiuta comunque a capire meglio. Per esempio è molto ben descritta la riuscita cannibalizzazione da parte di Casaleggio del partito di Di Pietro e il fallimento di una operazione analoga con il Fatto Quotidiano, che nasce nel 2009. Il libro aiuta a capire come la base elettorale del partito dipietrista e la capacità mediatica di Travaglio e Padellaro siano stati gli ingredienti, oltre agli spettacoli di Grillo, per una miscela che oggi agli occhi degli autori si rivela vagamente mostruosa. Ma non nasce dal nulla. Padellaro era il direttore dell’Unità che ospitò gli articoli di Travaglio e Di Pietro arrivò in parlamento da senatore di uno dei collegi più rossi d’Italia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • fabriziocelliforli

    11 Settembre 2017 - 11:11

    Ebbene mi abilancio, coerentemente con la mia precaria e disarmonica vita ma pur sempre vita: trattasi di non strombazzato, semplice solo nell'apparenza di una frettolosa lettura, eccezionale SCOOP. Chapeau e lodi sperticate come se piovesse. Ed è piovuto. Un incommensurabile abbraccio da un aficionado quasi a prescindere.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    09 Settembre 2017 - 09:09

    Come a dire che almeno una gran parte dei nostri mali e pericoli hanno radici nel PCI e nei suoi eredi?

    Report

    Rispondi

    • fabriziocelliforli

      11 Settembre 2017 - 12:12

      No, sig./sig.ra Giantrombetta, legga bene: Bordin è inequivocabilmente didascacalicamente chiaro.

      Report

      Rispondi

Servizi