cerca

Giachetti zen

E’ un impulso più forte di lui e dunque prevedibilissimo

20 Dicembre 2016 alle 05:30

Roberto Giachetti

Roberto Giachetti (foto LaPresse)

Roberto Giachetti, che nei radicali si è formato, sicuramente ricorda la lettera in cui Pasolini raccomanda loro di essere sempre irriconoscibili, imprevedibili. Solo che ognuno ha il suo carattere e Giachetti è noto per la rara capacità di riuscire a trasformare la più tranquilla e perfino zen delle riunioni politiche in una rissa memorabile. E’ un impulso più forte di lui e dunque prevedibilissimo. Giachetti sull’adozione del Mattarellum aveva condotto due anni fa un pesantissimo sciopero della fame nell’ostilità del partito. La repentina conversione in merito del leader della corrente bersaniana lo ha spinto a coloriti insulti. Anche le reazioni, per la verità, sono state riconoscibili nella loro ipocrisia, talvolta sovreccitata, sia da parte degli offesi – “allora ditelo che volete farci fuori dal partito” – sia dei sostenitori, inneggianti al parlare rude e chiaro. In tutto ciò comunque non c’è gran che di interessante, forse c’è ancor meno politica di quanta se ne ritrovi nei discorsi di Roberto Speranza. A meno che Giachetti non intendesse usare l’innocuo leader bersaniano per parlare al più autorevole Andrea Orlando che al ritorno del maggioritario ha opposto, unico nell’assemblea, argomentate obiezioni, come già aveva fatto il suo compagno nella corrente dei “giovani turchi”, Matteo Orfini, nella direzione che ha preceduto l’assemblea nazionale. Perché il problema della riforma elettorale è anche dentro l’area di Renzi e non è detto che il Mattarellum sia il punto di caduta. Forse Giachetti ha capito che rischia un nuovo digiuno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Nambikwara

    Nambikwara

    20 Dicembre 2016 - 11:11

    Certamente, se continua così, le facce del PD saranno sempre più somiglianti a maron glassè. Quanto a Giachetti spero in una dieta equilibrata e, naturalmente, senza neanche un dolce.

    Report

    Rispondi

  • cantma

    20 Dicembre 2016 - 06:06

    Mi ricordo un " Franceschini, c'hai la faccia come il culo" , urlato da Pannella... Forse Giachetti solo voleva fare una citazione.

    Report

    Rispondi

Servizi