cerca

Il processo dimenticato e la vergogna della carcerazione preventiva

La morte di Mario Dalmaviva, ricordato ieri sul manifesto con un bell’articolo di Alberto Magnaghi, rimanda a una ormai antica ma incresciosa vicenda giudiziaria, il processo 7 aprile, archetipo della giustizia dell’emergenza, con la sperimentazione spregiudicata della figura del pentito in un codice ancora inquisitorio.

22 Luglio 2016 alle 06:13

Il processo dimenticato e la vergogna della carcerazione preventiva
La morte di Mario Dalmaviva, ricordato ieri sul manifesto con un bell’articolo di Alberto Magnaghi, rimanda a una ormai antica ma incresciosa vicenda giudiziaria, il processo 7 aprile, archetipo della giustizia dell’emergenza, con la sperimentazione spregiudicata della figura del pentito in un codice ancora inquisitorio. Eppure è un processo dimenticato, non solo per il tempo passato quanto per la connotazione politica degli imputati, estrema quanto minoritaria. Erano tutti ex militanti e dirigenti di Potere Operaio. Eppure in quel processo esplose in modo clamoroso la vergogna della carcerazione preventiva, che raggiunse, per non pochi di loro, i 5 anni di carcere speciale, prima della sentenza. Per la quasi totalità di quelli che conseguirono questo poco invidiabile record, arrivarono condanne di poco superiori al tempo già trascorso in carcere, e fu così anche per Dalmaviva. La pena non poteva non far pensare a una sorta di giustificazione a posteriori di un sistema comunque vessatorio. Furono pochi, naturalmente, a denunciare un evidente abuso. I radicali candidarono Toni Negri per questo motivo, non certo per sintonia con le sue tesi politiche. E ancora oggi continuano a battersi, purtroppo senza Pannella, sul fronte del diritto e del carcere. Ma sono fuori dal Parlamento, che ne risente. Pensavo questo, ieri, seguendo le polemiche sulla prescrizione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi