cerca

Nuove prove più o meno valide al processo Mafia Capitale

Giovedì scorso la difesa ha segnato un punto a suo favore su una questione di principio. Un’ordinanza del tribunale ha deciso per la distruzione di un’intercettazione telefonica fra Massimo Carminati e uno dei suoi difensori, l’avvocata Ippolita Naso.

24 Marzo 2016 alle 06:00

Il processo Mafia Capitale macina udienze, siamo vicini alla cinquantesima, nelle quali ufficiali e sottufficiali del Ros raccontano al tribunale lo svolgimento dell’inchiesta. Ogni tanto però si creano momenti significativi pur all’interno di una schermaglia tecnico-rituale fra accusa e difesa sulla validità delle prove raccolte. Per esempio, giovedì scorso la difesa ha segnato un punto a suo favore su una questione di principio. Un’ordinanza del tribunale ha deciso per la distruzione di un’intercettazione telefonica fra Massimo Carminati e uno dei suoi difensori, l’avvocata Ippolita Naso. Era abbastanza prevedibile che finisse così, la forzatura era evidente e tutto sommato nemmeno così necessaria all’accusa. Eppure sono stati i pubblici ministeri a citare la telefonata interrogando un colonnello del Ros, pur sapendo che non c’erano molte possibilità di farla acquisire agli atti. Sono stati in qualche modo costretti a ritornare su quel passo decisamente oltre le regole dopo che l’avvocato Giosuè Naso l’aveva lui inserito nel dibattimento, denunciandolo con parole forti nelle udienze precedenti. I pm hanno scelto di tenere il punto, cadendo così nella trappola scattata con un muro compatto di opposizioni degli avvocati, costruito con una valanga di precedenti e citazioni, dalle sezioni unite della Cassazione fino a una recente circolare del procuratore Pignatone, così che perfino il loro collega rappresentante dell’associazione di don Ciotti, costituita parte civile, ha dovuto ammettere che non avevano tutti i torti, dissociandosi in parte dai pm usciti poi sconfitti dalla decisione del tribunale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi