cerca

Finalmente una linea tranviaria a Palermo. Quasi

Bellissimo articolo di Laura Anello sulla Stampa di ieri su una storia che questa rubrica vi aveva raccontato in quella che pensavo fosse già di per sé una vicenda emblematica. Anche Palermo aveva inaugurato una linea tranviaria.

22 Dicembre 2015 alle 10:40

Bellissimo articolo di Laura Anello sulla Stampa di ieri su una storia che questa rubrica vi aveva raccontato in quella che pensavo fosse già di per sé una vicenda emblematica. Anche Palermo aveva inaugurato una linea tranviaria. Mesi fa, grazie al sindaco Orlando si era colmato lo scarto secolare che divideva la città della Santuzza dalla capitale morale e da quella effettiva. Finalmente una linea tranviaria. Musica e cassatine per l’inaugurazione. Vivo e vibrante discorso del sindaco. Ieri la vendetta sabauda, che sulle pagine della cronaca nazionale avvertiva i lettori che il tram funziona benissimo, dopo 8 anni di lavoro e 320 milioni di euro, gira che è una bellezza per i 15 chilometri di percorso con otto fermate. Solo che è vuoto. Disaffezione o alti costi per gli utenti? No. Problemi di copertura di spesa su cui il consiglio comunale non trova soluzioni per avviare il servizio. Il tram fantasma che si ferma per collaudare i freni senza aprire le porte, è una magnifica metafora della sciasciana irredimibilità della Sicilia in generale e di Palermo in particolare. Ma è anche una metafora politica. Ormai anche il furbissimo sindaco Orlando finisce per fare la figura di un Crocetta qualunque.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi