cerca

Se Pannella vuole ancora scuotere l'albero della politica

La rubrica di ieri, a proposito della proposta di Pippo Civati al radicale Riccardo Magi di candidarsi a sindaco di Roma, pronosticava problemi a sinistra per Civati. Infatti Sel e Sinistra Italiana non apprezzano in generale l'idea di una lista concorrente a sinistra e si apprestano a criticarla an

27 Novembre 2015 alle 06:18

La rubrica di ieri, a proposito della proposta di Pippo Civati al radicale Riccardo Magi di candidarsi a sindaco di Roma, pronosticava problemi a sinistra per Civati. Infatti Sel e Sinistra Italiana non apprezzano in generale l'idea di una lista concorrente a sinistra e si apprestano a criticarla anche perché ancora meno apprezzano in particolare il "liberista" Magi. Ieri però il Corriere della Sera pronosticava problemi anche per il neo eletto segretario della associazione "Radicali italiani". Magi non ha ottenuto in congresso il voto  di Marco Pannella e dei dirigenti più  vicini al leader. Dunque la previsione di un sostegno non unanime da parte dei radicali, che già non sono legioni, appariva verosimile. Ma forse non sarà questo il problema. Bisogna ricordarsi il modo di fare politica di Pannella. Una offerta, da chiunque provenisse, non l'ha mai lasciata cadere senza andare a vedere, come si fa a poker. È fatto così ed è coerente con se stesso, nell'essenziale. Infatti mentre i radicali più zelanti erano già  all'attacco del neo segretario, Pannella, in modo sornione ha invitato Magi ad "andare a vedere". Come al solito, quelli più realisti del re non hanno fatto un figurone. Naturalmente resta improbabile che la candidatura vada in porto e in ogni caso sarebbe uno spostamento di forze assai limitate. Per ora si può constatare come Pannella abbia ancora voglia di provare a scuotere l'albero della politica anche a partire da un ramo esile. E sicuramente in passato ne è stato capace. Magi, vedremo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi