cerca

Dar rappresentanza in cda Rai anche alla procura di Milano

Capisco che le circostanze possano finire per costringere anche i migliori ad assumere un ruolo obbligato. Può capitare a maggior ragione quando le circostanze sono tragiche.

1 Agosto 2015 alle 06:15

Capisco che le circostanze possano finire per costringere anche i migliori ad assumere un ruolo obbligato. Può capitare a maggior ragione quando le circostanze sono tragiche. Nel caso di Benedetta Tobagi però c’è una anomalia grande come una casa. Passi che si ritrovi a parlare come membro del cda Rai entratavi, su nomina di partito, nella veste tutta italiana di parente di vittima illustre. Sono affari di quel partito che nella stessa occasione ha pensato bene di garantire una rappresentanza in cda anche alla procura di Milano. L’anomalia sta nella polemica di cui si fa portatrice che,al di là del merito, echeggia nel modo di argomentare lo stile di chi costruì gli argomenti che armarono la mano degli sciagurati che uccisero il giornalista socialista. E’ sgradevole dirlo, mi rendo conto. Ma è inevitabile pensarlo se si ha appena un po’ di memoria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi