cerca

Il 6 è presto, l’8 è tardi

La politica non è solo ideologia, analisi scientifica, passione, dissimulazione, forza. Nei momenti chiave bisogna giocare sul fattore decisivo e questo è il tempo. La frase più significativa di Lenin non sta scritta in un suo libro ma in un suo discorso ed è “Il 6 è presto, l’8 è tardi”, magnificam

14 Luglio 2015 alle 06:18

La politica non è solo ideologia, analisi scientifica, passione, dissimulazione, forza. Nei momenti chiave bisogna giocare sul fattore decisivo e questo è il tempo. La frase più significativa di Lenin non sta scritta in un suo libro ma in un suo discorso ed è “Il 6 è presto, l’8 è tardi”, magnificamente parafrasata  da un leninista nero, Bobby Seale, negli Usa di mezzo secolo dopo: “Seize the time”. Sono citazioni che dovrebbero essere familiari ai membri, almeno quelli più anziani, della brigata Kalymera. Bene. Provino i supporter del “valoroso popolo greco”, per usare un’immagine di Forattini, a giudicare l’operato delle due icone della resistenza ai perfidi burocrati servi delle banche. Tsipras dovrà firmare un accordo peggiore di quello su cui ha fatto votare i cittadini invitandoli a respingerlo, causando la chiusura delle banche e pochi euro al giorno razionati dai bancomat nel tempo così, si fa per dire, guadagnato. Lenin non sarebbe stato contento di lui. Tanto meno Bobby Seale di Varoufakis che ora spiega sul Guardian – e dove se no? – che il suo piano era imporre un nuovo taglio del debito in cambio delle riforme. Ma il rapporto temporale fra le due cose è saldamente afferrato dai “cattivi”, come si sta vedendo, e nel piano di Varoufakis non si capisce come avrebbe potuto strapparglielo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi