cerca

D'Alema e Woodckok, nessuna sorpresa

Insomma la notizia su cui si è dibattuto con accanimento ieri consiste

1 Aprile 2015 alle 06:18

Insomma – fermo restando che se per avere un appalto si corrompe un pubblico amministratore si commette un reato, e grave – la notizia su cui si è dibattuto con accanimento ieri consiste nell'esistenza di una inchiesta che ha appurato, fra l'altro, come Massimo D'Alema, che al momento non ha alcun incarico pubblico né di partito, abbia buoni rapporti con una cooperativa fra le maggiori della LegaCoop. Non erano necessarie intercettazioni per sospettarlo. Né stupisce che a valorizzare una simile acquisizione investigativa sia il pm Henry John D'Alema.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi