I Radicali "all'asta" e la decrescita felice di Cannes

Lettura più o meno a casaccio dei giornali, e appunti arbitrari d’inizio giornata...

14 Maggio 2015 alle 11:15

I Radicali "all'asta" e la decrescita felice di Cannes

Marco Pannella

Lettura più o meno a casaccio dei giornali, e appunti arbitrari d’inizio giornata...


Corriere e Repubblica, pagine politiche: “Poster, quadri e una lettera di Bobbio: Piovono offerte per i cimeli radicali”, “Il maglione di Pannella e la cannabis: l’arte di mettersi all’asta salva i sogni radicali” (trattasi dell’asta e-bay fatta dai Radicali: nuove frontiere del fund raising).

 

Il Fatto, cronache: “Carlo D’Inghilterra, il principe impiccione: ‘Fate di più per i pesci e l’arte’. Rese pubbliche le lettere di reclamo scritte a Blair e al suo governo”. (In assoluto, la notizia della giornata).

 

Corriere della Sera, pagine politiche: “Renzi alla lavagna per difendere la riforma…il Maestro Matteo e l’attimo fuggente”. In principio era la slide, evoluzione infografica di un governo.

 

Corriere, pagine politiche: “Vendola: Barbara Spinelli eletta con i nostri voti, vada dove la porta il cuore’ ”. Parenti serpenti/1

 

Il Fatto, pagine politiche: “Cofferati: Ncd fuggito, ora il Pd ha paura”. Parenti serpenti/2

 

La Stampa, pagine degli spettacoli: “Cannes, il festival più ricco ha paura di perdere l’anima. Troppi soldi, troppo glamour e troppo inglese”. La decrescita felice pure sul tappeto rosso no, per favore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi