cerca

“Il nichilismo ha una sua logica”. In Olanda eutanasia ai sani over 75

Intervista al filosofo Kinneging sulla nuova proposta di legge

22 Luglio 2020 alle 10:22

“Il nichilismo ha una sua logica”. In Olanda eutanasia ai sani over 75

(foto LaPresse)

Roma. Era il 1991 e l’Olanda iniziava a discutere di legalizzare l’eutanasia. Ai più sembrò una cosa doverosa: perché non aiutare a morire i morenti? C’era invece chi, già allora, avvertiva sul rischio dello slippery slope, il piano inclinato, la china. Il 1991 fu l’anno in cui Huibert Drion, giudice della Corte suprema, scrisse un articolo sul Handelsblad: “Mi sembra che molte persone anziane potrebbero trovare grande conforto se potessero avere un modo per porre termine alla propria vita in...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Giulio Meotti

Giulio Meotti

Lavora al Foglio dal 2003. Si è laureato in Filosofia. Ha scritto per il Wall Street Journal. È autore di quattro libri su Israele, alcuni tradotti in più lingue. È sposato. Ha due figli.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    23 Luglio 2020 - 19:10

    Eutanasia o no gli Olandesi sono una comunità che fa della severità e ortodossia morale ( ma quale ?) un dovere sociale ,peccato che da quando si fece impero delle Indie di atrocità ne compì in abbondanza ed ora con pervicacia pretende di dare il 4 ( come in musica) a tutti.Io creerei un cordone sanitario attorno e subito distruggerei la sua finanza che è malefica.Sopravvive divorando le altre .

    Report

    Rispondi

  • Carletto48

    22 Luglio 2020 - 16:54

    E' una di quelle riforme che l'Europa chiederà anche a noi altrimenti non ci daranno i soldi?

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    22 Luglio 2020 - 11:36

    Argomento spinoso quanto mai. Io convengo che in casi assai dolorosi come malattie che non danno alcuna speranza di vita, qualsiasi sia l'età e in specie se la malattia provoca intensi dolori e sofferenze sia legittimo su precisa indicazione detta o scritta del paziente portarlo al fine vita mediante eutanasia. E' assurdo far soffrire a lungo un paziente che è senza speranza e che chiede di finirla. Certo, poi ci sono altre contingenze che sono più difficili e la cui decisione di una eventuale eutanasia diventa assai problematica ma credo che la maggior parte dei casi riguardi il primo esempio.

    Report

    Rispondi

Servizi