cerca

La statua pro life scandalizza la Francia

Nel paese della legge Veil e di Voltaire, l’opera antiabortista non è ammessa

10 Ottobre 2019 alle 06:26

La statua pro life scandalizza la Francia
Nel paese che fra i primi in Europa ha regolarizzato l’aborto con la legge Veil, dove il numero degli aborti in quarant’anni non è mai calato e in cui è stato quindi de facto “normalizzato” (e banalizzato), di Voltaire, di Charlie Hebdo, dove le Femen entrano nelle cattedrali per esercitare il loro “diritto alla blasfemia”, c’è una statua pro life in mostra alla Biennale di arte sacra contemporanea di Nizza che sta generando non poco scandalo. Si chiama “Notre Dame...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Redazione

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Carlo A. Rossi

    10 Ottobre 2019 - 09:39

    In realtà, chiunque dovrebbe non dico sentirsi in colpa, ma quantomeno avere un moto d'inquietudine di fronte a tale opera. Perché, comunque la si voglia vedere (e io sono contrario all'aborto, ma non voglio giudicare chi lo pratichi), l'aborto NON è una grande vittoria illuminista, ma un'abdicazione della società, un male necessario, nella migliore delle ipotesi. Ma non si parli di un grande diritto e di un grande traguardo della società moderna, perché lo praticavano benissimo romani e spartani e quant'altri popoli antichi. Almeno non siamo ipocriti.

    Report

    Rispondi

Servizi