cerca

Libertà d’opinione a corrente alternata

I manifesti pro life e le lenzuola anti Salvini non minacciano la democrazia

16 Maggio 2019 alle 20:42

Libertà d’opinione a corrente alternata

È curioso che in nome della sacra libertà d’opinione ed espressione si invadano i social network per gridare allo scandalo quando vengono rimossi cartelli e lenzuoli recanti slogan poco gentili (ma perfettamente leciti in uno stato democratico) nei riguardi del ministro dell’Interno Matteo Salvini e, al contempo, gli stessi indignati di cui sopra chiedano la rimozione dei manifesti contro l’aborto.

 

Un diritto inviolabile o lo è sempre o non è tale. Non c’è una via di mezzo, a meno che l’indignazione corale non sia determinata da chi è di volta in volta coinvolto. Il manifesto pro life – molto grande, certo, ma si è visto di peggio – contro l’aborto è comparso nei giorni scorsi a Roma, sulla via Tiburtina, nel quartiere Portuense e sulla Cristoforo Colombo. L’immagine è quella di un feto di undici settimane (si chiama Michelino) ed è accompagnata da uno slogan: “Cara Greta, se vuoi salvare il pianeta, salviamo i cuccioli d’uomo”. Tutto qui, niente immagini macabre o avvisi da memento mori come si vedono sui pacchetti delle sigarette.

 

Il Comune di Roma, che con inflessibile e inusuale rigore ha avviato tutti i controlli del caso per verificare la regolarità della cosa, ha dovuto ammettere che è tutto lecito: è stato affisso su un palazzo privato tramite una concessionaria, ragion per cui l’autorizzazione comunale non era necessaria. I promotori si sono limitati a un “giù le mani” dal manifesto, rimandando all’appuntamento con la Marcia per la vita in programma domani.

 

La contraddizione è evidente: si grida al fascismo di ritorno se i vigili del fuoco si aggrappano a un terrazzo privato per rimuovere un lenzuolo antisalviniano e si invoca la censura per far togliere dalle strade un cartellone sgradito. Una concezione davvero strana della libertà d’opinione.

Redazione

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni

    17 Maggio 2019 - 10:10

    I manifesti e le lenzuola contro Salvini? Tutto grasso che cola per il truce. Come si dice, "tanti nemici tanto onore". Per quanto riguarda l'aborto sono senz'altro contrario e non per ragioni religiose ma proprio perchè ammazzare un essere umano, che sia un bimbo o un adulto o che sia dentro la pancia della mamma è orribile ed è un delitto. Potrei ammetterlo solo in alcuni casi estremi e comunque entro e non oltre i 40 giorni di gravidanza e non come avviene in tanti paesi, cosiddetti avanzati, in cui si fanno allegramente aborti anche a cinque mesi di gravidanza. E' un omicidio senza se e senza ma.

    Report

    Rispondi

  • maropadila

    17 Maggio 2019 - 10:10

    Non c'è da meravigliarsi: è sempre stata la concezione della libertà di una certa sinistra, quella leninista, che ammette solo le opinioni in linea con la eua ideologia e che, attualmente, si è reinventata nell'ecologismo, nel "me too", ecc.

    Report

    Rispondi

Servizi