Sun Tzu, ovvero l’arte di essere leader

Per vincere la partita in politica bisogna avere strategia. Ma soprattutto bisogna muovere

17 Aprile 2018 alle 06:14

Sun Tzu, ovvero l’arte di essere leader

L’Italia è un paese senza leader. Ne è convinto Luciano Fontana, direttore del Corriere, che illustra la sua tesi nel suo ultimo libro. Io non sono d’accordo. Il popolo italiano due leader li ha scelti, giovani e pugnaci: Salvini e Di Maio. Sono i veri vincitori delle elezioni e ora cercano (con molta fatica in verità) di mettere a frutto l’exploit. Come? Ciascuno dei due vuole vincere l’Oscar di attore protagonista nella formazione di un governo vero, non un governicchio balneare stile Prima Repubblica. Ciascuno dei due vuole costruire, dopo la vittoria elettorale, una vera vittoria politica, sapendo bene che la seconda non consegue automaticamente alla prima. Traguardi raggiungibili, ma la partita si sta complicando. Il tempo (politico) stringe e l’assenza di decisioni sta addensando sull’orizzonte romano dense nubi cariche di minacciose elezioni anticipate. Nella mia lunga vita politica li ho conosciuti tutti i leader italiani, da Andreotti a Berlusconi: c’è chi ha superato tempeste terrificanti con mosse ardite (pochi) e chi ha dilapidato ingenti patrimoni elettorali per eccesso di prudenza o incapacità di decidere (tutti gli altri). Ecco, cari leader, per vincere la partita in politica bisogna avere strategia, ovvio, ma soprattutto bisogna muovere. Lo spiegava già nel VI secolo a.C. il generale Sun Tzu, insuperato maestro di tattica e strategia: “Quando muovi sii rapido come il vento, maestoso come la foresta, avido come il fuoco, incrollabile come la montagna”. Stay tuned.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • manfredik

    17 Aprile 2018 - 17:05

    Abbiamo bisogno di leader o di statisti? Di Crispi o di De Gasperi?

    Report

    Rispondi

Servizi