cerca

Salvini e Di Maio, Tempesta e Impeto

Comunque vada, nella politica italiana si è ormai affacciato il nuovo Sturm und Drang

27 Marzo 2018 alle 06:00

Salvini e Di Maio, Tempesta e Impeto

Foto LaPresse

Ciò che è successo in questi giorni in Parlamento è davvero l’inizio della Terza Repubblica? Forse. Quello che è certo è che è finita la Seconda. E secondo molti è finita la Repubblica di Silvio Berlusconi. “Matteo Salvini si è preso il centrodestra, e sotto la sua guida è nato il partito unico della coalizione: niente più Forza Italia”. Parole di un osservatore attento, Carmelo Lopapa su Repubblica. Ancora più sferzante uno che il Cavaliere lo conosce bene, Vittorio Feltri su Libero: “Berlusconi è un politico terminale destinato alla marginalizzazione, non ne azzecca più una neanche per caso”. Ecco, sarà una legislatura “appesa al bacio tra Salvini e Di Maio”, profetizza il mio direttore su questo giornale. Un governo dei due vincitori, che però dovrebbe risolvere un rebus irrisolvibile: trovare coperture spaziali per il reddito di cittadinanza, l’abolizione della legge Fornero e la flat-tax. Parliamo oltre 60 miliardi. Tradire le promesse elettorali non va bene, più facile per Salvini (pensano alla Lega) giocarsela con elezioni anticipate in autunno, con una legge elettorale con premio di maggioranza alla (nuova) lista unica tra Forza Italia e Lega: Forza Lega, appunto. Uno scenario eccitante per i due vincitori, mortale per la coppia degli sconfitti Berlusconi-Renzi. Comunque vada, nella politica italiana si è ormai affacciato il nuovo Sturm und Drang, Tempesta e Impeto: Salvini e Di Maio, i due giovani leader che interpretano, semplicemente, il divenire naturale della vita. Stay tuned.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni Attinà

    27 Marzo 2018 - 10:10

    Maroni fa "cerchiabottista"alla Paolo Mieli. Nella vicenda Salvini- Di aio ci sono le contraddizioni della politica per cercare di arrivare al potere. Adesso poi i due, in un'Italia dove si sale sempre sul carro dei vincitori, sono diventati quasi statisti. Per il vero nel panorama italico della politica siamo in una fase decadente in tutti i partiti e così c'è l'esaltazione di chi osa.

    Report

    Rispondi

Servizi