No, i grillini non sono i nuovi “barbari sognanti”

Di Maio è un simpatico gaffeur, sorride molto e ogni giorno ne spara una più grossa. Prende voti? Sì, certo. Ma governare è un'altra cosa

23 Gennaio 2018 alle 06:00

No, i grillini non sono i nuovi “barbari sognanti”

Questa rubrica nasce per caso, anzi, per colpa del Direttore. Galeotto fu il pezzo “Viaggio tra gli ex barbari sognanti della Lega”. “Ma quali ex - protestai - i veri barbari non muoiono mai”. “Tu sei proprio un romanticone” mi rispose. È vero, in politica sono forse l'ultimo romantico, mi piacciono ancora i cineforum, l'onestà intellettuale e le amicizie disinteressate. Da qui la sfida: scrivere di politica, ovvio, ma anche di futuro e della gioia di vivere, la bella scintilla divina celebrata da Shiller. Bene, cominciamo. Il futuro politico che ci attende, da marzo in poi, sarà pieno di novità e (forse) di sorprese. Un governo di grillini? Sono loro i nuovi “barbari sognanti”, capaci di “vaffare” tutti i partiti della Seconda Repubblica? Eh, come no. Di Maio è un simpatico gaffeur, sorride molto e ogni giorno ne spara una più grossa. Peggio di De Magistris. Prende voti? Sì, certo. Ma governare è un'altra cosa. Non è tanto l'inesperienza il problema (nel '94 diventò Ministro dell'Interno un giovane leghista senza esperienza, che poi si è rivelato niente male), ma la certificata incapacità del M5s di creare una classe dirigente all'altezza. Ce n'è uno bravo, tipo il sindaco di Parma Pizzarotti? Espulso. Dilettantismo allo sbaraglio, questa è la vera “malattia infantile” del grillismo. E il programma? Peggio che andar di notte, ne parliamo la prossima puntata. Citazione della settimana: “Voglia di ricominciare, anche poco basterà, la bellezza di un inizio sembra non finire mai”. Di chi è? Stay tuned.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • roberta manuelli

    19 Marzo 2018 - 20:08

    Foglie al gelo - Francesco Gabbani

    Report

    Rispondi

  • Rita Coltellese

    24 Gennaio 2018 - 15:03

    Come sia possibile accostare uno come Di Maio, che è arrivato oltre i suoi 30 anni senza combinare nulla se non frequentare l'Università senza molta voglia di studiare e svolgendo lavoretti di bassa lega, ad un ex magistrato come De Magistris lo sa solo Maroni. In comune hanno solo il nome di battesimo.

    Report

    Rispondi

Servizi