cerca

Una scrofa ha ucciso un uomo: l'inutile tentativo umano di ammansire gli animali

Domenica a Corcolle, periferia di Roma, un maiale ha aggredito un cinquantenne che era entrato nella porcilaia con suo figlio

7 Ottobre 2019 alle 16:26

Una scrofa ha ucciso un uomo: l'inutile tentativo umano di ammansire gli animali

foto LaPresse

Buonasera, sono la scrofa assassina. Col mio corpo enorme ho assalito un uomo e suo figlio piccolo, uccidendo il primo e ferendo gravemente il secondo. Inutilmente definirete insensata la mia azione, poiché la violenza degli animali non è riconducibile a nessun senso lontanamente umano; ci collochiamo rispetto a voi non come opposti ma su un piano sghembo, non comunicante neanche per contrasto. Sarà solo retorica scrivere che ho aggredito il bambino di due anni senza pietà per il padre che cercava di fargli scudo col corpo: la pietà e la tenerezza sono totalmente estranee a noi animali nonostante i vostri tentativi di proiettare su di noi sentimenti umani per fingere di ammansirci. Siamo animali, non cartoni animati. Sarete solo patetici se per me chiederete giustizia o vendetta: non ho etica, non distinguo il bene dal male, non conosco principii astratti quindi non posso essere punita o premiata in nome di nulla. Invano leggerete e rileggerete l'orribile notizia tentando di comprendermi: non potete perché sono un animale, l'incomprensibile altro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • ayler

    07 Ottobre 2019 - 17:05

    C'è da aggiungere che natura non esisteva una scrofa di tali dimensioni. È un prodotto della selezione operata dall'uomo. Uno dei tanti mostri che l'uomo ha creato.

    Report

    Rispondi

    • carlo n

      10 Ottobre 2019 - 22:10

      Consiglierei ad ayler di andarlo a dire a bufali, leopardi, iene, cobra ed altri non creati dall'uomo. Fra i "tanti mostri che l'uomo" avrebbe creato mi vengono in mente solo i saccenti che però, se non tra i più pericolosi, sono, certo, tra i più ridicoli. Saluti.

      Report

      Rispondi

    • AngeloB

      09 Ottobre 2019 - 14:02

      In un giorno di ottobre, mentre passava per una strada di un sobborgo di Parigi, il quindicenne principe Filippo, figlio ed erede di re Luigi VI, fu travolto ed ucciso da un maiale, da un porcus domesticus come dicono le cronache del tempo. Il ragazzo, che si presume fosse vigoroso, data l’età e l’educazione principesca del tempo, fu brutalmente dilaniato dall’animale e morí in un casa del quartiere, a testimoniare che la furia di un animale non risparmiava neppure la progenie dei re cristianissimi. Correva l’anno 1131, il maiale era di dimensioni normalissime. Non abbiamo creato mostri, abbiamo solo combattuto contro la fame. Ringrazi chi nei millenni lo ha fatto, invece di denigrarli: senza di loro, forse Lei ed io non saremmo al mondo.

      Report

      Rispondi

    • marco.ullasci@gmail.com

      marco.ullasci

      07 Ottobre 2019 - 19:07

      I vari "mostri" creati dagli uomini nei millenni sono quelli che verosimilmente hanno portato sino alla sua nascita anziche' alla fine della sua linea di sangue per fame tempo fa.

      Report

      Rispondi

Servizi