cerca

L'Italia a tutti ma non agli italiani. Ecco il nostro patriottismo

Le strade di Roma ripulite in fretta e furia per la visita di Putin. Un gesto che può essere interpretato come nostalgia della dominazione straniera

5 Luglio 2019 alle 18:18

L'Italia a tutti ma non agli italiani. Ecco il nostro patriottismo

Vladimir Putin (foto LaPresse)

Mara Carfagna ha avanzato una considerazione sagace a margine delle strade di Roma (alcune) ripulite in occasione della visita di Putin: visto che al mondo ci sono centonovantasei nazioni, ha detto grossomodo, invitiamo un capo di Stato ogni due giorni e siamo a posto. Dietro il (temporaneo) ritorno di parte di Roma alla civiltà si cela, tuttavia, un sentimento nazionale che non è soltanto smania di far bella figura quando passa lo straniero. È, credo, piuttosto un istinto radicatosi nei secoli e stratificatosi all’alternarsi delle sorti politiche continentali, quando la nostra penisola era terra di conquista: la solerzia con cui, dinanzi a chi governa altre nazioni, ci affanniamo a rimediare alle mancanze cui siamo abituati mentre siamo fra noi può essere interpretata come nostalgia della dominazione straniera, quando da terre ostili sfondavano il confine italico sbrigativi sistematori di cose: Attila, Arrigo VII, Carlo V, Maria Teresa d’Austria, Napoleone… Si tratta forse del nostro sentimento più patriottico, questo rimpianto dei tempi in cui l’Italia non era ancora stata abbandonata nelle mani degli italiani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • gesmat@tiscali.it

    gesmat

    08 Luglio 2019 - 10:10

    Tempo fa suggerivo il recupero di un rifiuto tedesco Helmut Kohl. Proponevo che, copiando le ottime trovate, degli antichi romani gli si desse il ruolo di Dittatore. l'avrei compensato con l'attribuzione di 500 milioni di Euro all'anno. Un risparmio notevole rispetto ai costi di Camera, Senato, Presidenze della Repubblica e del Consiglio e ministeri vari e,nel giro di pochi anni, avrebbe risolto gran parte dei problemi italiani. Pensierino del mattino: in Germania militari di vario ordine e grado, giudici e burocrati non toccano un euro dei fondi destinati alla gestione dei loro settori.

    Report

    Rispondi

  • AngeloB

    05 Luglio 2019 - 22:10

    Assolutamente, è da tempo che sostengo che avremmo dovuto annettere tutta l’Italia all’Impero austro-ungarico, altro che risorgimento dei miei stivali. Gott erhalte Franz den Kaiser!

    Report

    Rispondi

  • verypeoplista

    verypeoplista

    05 Luglio 2019 - 19:07

    Caro Gurrado ha perfettamente ragione pensi a quegli otto emuli mixati dei 4+4 di Nora Orlandi travestiti da navy seal che vedendo una povera ragazza comandanta straniera si sono adoperati con l'"osservazione partecipante" al superamento dei confini nazionali: Attila l'altro ieri, l'ammuina di Gianburrasca con Obama ieri (fuori casa addirittura e pure fuori tempo massimo) e oggi i marinaretti mozzi di Kapitanen Carolinen : una volta era Roma città aperta, oggi tutta l'Italia grazie ai marinaretti del PD è aperta (fosse solo Roma). Quanto alla Carfagna si guardi in casa a Napoli, lì più che buche si aprono voragini.

    Report

    Rispondi

Servizi