cerca

Fitto e la parabola del conservatorismo italiano

L'eurodeputato aveva fondato un partito conservatore con l’auspicio di emulare la nobile tradizione dei Tory britannici. È diventato una piccola scritta nel simbolo di Fratelli d'Italia

4 Aprile 2019 alle 16:52

Fitto e la parabola del conservatorismo italiano

Raffaele Fitto e Giorgia Meloni (foto Imagoeconomica)

Più del bidone che Viktor Orbán e Marine Le Pen hanno tirato alla convention sovranista organizzata da Matteo Salvini, dovrebbe colpire la presenza di Raffaele Fitto al tavolo coi polacchi clericali ed euroscettici visitati da Giorgia Meloni. Che l’ex governatore della Puglia fosse lì è ineccepibile burocraticamente, stante che è l’unico europarlamentare italiano nel gruppo dei Conservatori e Riformisti, cui appartiene il partito di Jarosław Kaczyński. Se non che, politicamente, fa specie vedere l’ex enfant prodige del moderatismo di governo, erede di una solida schiatta cristiano-democratica e ammirevole per garbo nell’agone politico, coinvolto nell’omaggio vassallatico al più grande paese del gruppo di Visegrád. Qualche anno fa Fitto aveva fondato un partito conservatore con l’auspicio di emulare la nobile tradizione dei Tory britannici, ricevendo a un tavolino la frettolosa benedizione di David Cameron. Ora frequenta compagnie internazionali meno raccomandabili e i suoi conservatori sono diventati una piccola scritta nella mezzaluna inferiore dello stemma della Meloni: specularmente a loro, pencola la scritta “sovranisti”, della stessa dimensione. È questa la sorte del conservatorismo italiano? Un ridimensionamento delle ambizioni forse eccessivo, forse rischioso, senza nemmeno un Cameron a ricordargli che fine ha fatto lui.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Andrew

    Andrew

    04 Aprile 2019 - 17:39

    il sovranismo, del quale si richiamano spesso e volentieri le minacce quotidiane antieuropee, andrebbe visto e valutato politicamente, non con sentenze e giudizi aprioristici ma chiedendoci, semmai, se il sovranista esalti o meno lo stato guerriero per imporsi alle altre nazioni o non, piuttosto, nutra il convincimento che per non abusare ulteriormente dei soliti slogan parolai, il rinnovamento dell’Unione europea non possa non coincidere anche e soprattutto con il rispetto delle differenze nazionali non più messe insieme e d’accordo nelle cosiddette “federazioni burocratiche”, ma in una “confederazione democratica” il cui accordo va cercato e ritrovato in alcuni punti e momenti fondamentali.Del resto, a proposito di sovranismo: “Posizione politica che propugna la difesa o la riconquista della sovranità nazionale da parte di un popolo o di uno Stato, in antitesi alle dinamiche della globalizzazione e in contrapposizione alle politiche sovranazionali di concertazione”. Treccani

    Report

    Rispondi

Servizi