cerca

Ma figli e cani sono uguali?

Italo si è accordato con la Lega Italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente affinché vengano emessi biglietti omaggio per i cani di media e grossa taglia

19 Luglio 2018 alle 16:07

Ma figli e cani sono uguali?

Foto olaszmelo via Flickr

Leggevo che Italo si è accordato con la Lega Italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente acciocché vengano emessi biglietti omaggio per i cani di media e grossa taglia, come già avveniva per quelli più piccoli. L’azienda ferroviaria si è dunque adeguata alla comune tendenza a equiparare cani e figli: meritoriamente, infatti, da tempo Italo fa viaggiare gratis bambini di piccola e grossa taglia, in braccio quelli fino a trentasei mesi e con un sedile di fianco all’adulto quelli fino ai tredici anni d’età.

 

Oltre che diffusa quest’equiparazione è inevitabile, se si ragiona in termini di prospettive reciproche: se il cane è il miglior amico dell’uomo, ne deriva che l’uomo debba essere il miglior amico del cane. La prossima volta che dovrò prendere un treno, pertanto, l’ipotesi di ritrovarmi con viaggiatori accompagnati a costo zero da un dodicenne che gioca rumorosamente con lo smartphone e da un quadrupede più grande di me mi farà propendere per stare a casa e non essere amico di nessuno.

 

Leggevo anche (d’estate abbondano le notizie animalier) che in Austria un assessore vuol proibire il consumo della carne kosher, onde diminuire le sofferenze degli animali, ma propone di concedere una dispensa a chi deve consumarla per norme religiose: gli ebrei, quindi, che per andare dal macellaio dovranno iscriversi a un apposito registro. Ora, senza voler approfondire l’ampia tradizione germanofona di schedatura degli ebrei, mi ha colpito come l’assessore abbia giustificato l’ideona con la necessità, se si vuol essere animalisti, di assumere il punto di vista degli animali. Non avrei saputo dirlo meglio. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Bacos50

    20 Luglio 2018 - 16:04

    Dispiace molto per il signor Gurrado temo però che oltre a farsene una ragione, debba anche restare a casa e a non essere amico di nessuno. Non solo Italo ma anche Trenitalia ha deciso di ammettere gli animali sui propri convogli. I cani di piccola taglia, i gatti ed altri piccoli animali domestici da compagnia (custoditi nell’apposito contenitore di dimensioni non superiori a 70x30x50) sono ammessi gratuitamente nella prima e nella seconda classe di tutte le categorie di treni e nei livelli di servizio Executive, Business, Premium e Standard. E’ inoltre consentito, per singolo viaggiatore, il trasporto di un cane di qualsiasi taglia, tenuto al guinzaglio e munito di museruola. Il cane guida per i non vedenti può viaggiare su tutti i treni gratuitamente senza alcun obbligo. Aggiungo che nell'ultimo viaggio Ventimiglia/Milano la mia gatta persiana se presente si sarebbe comportata meglio dei due adolescenti imbecilli e maleducati presenti sul convoglio.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    20 Luglio 2018 - 11:11

    Ebbene sì in molti amano più i cani dei figli anzi molti non fanno figli preferendo la compagnia dei cani. Parabola. A Bologna un tassista non vede un cane che gli taglia la strada e lo uccide. Due fidanzatini proprietari del cane lo acchiappano e a forza di pugni e calci lo ammazzano. Un giudice cagnofilo li condanna ad una pena ridicola.

    Report

    Rispondi

  • davide.lopre

    20 Luglio 2018 - 11:11

    Salotto di Palermo, via principe di Belmonte , il mio adorato bimbo (3 anni) gioca a rincorrere piccioni ed io che osservo ad una certa distanza ascolto le voci di un gruppetto di persone: che carino ma è cresciuto! ma è intelligente ma quanto c' ha ? guarda come corre e come si chiama? Io mi volto orgoglioso per rispondere e mi accorgo che il gruppetto di persone era attorno ad un cane e che le attenzioni erano rivolte a lui e il mio bimbo non se lo filava nessuno............

    Report

    Rispondi

  • lorenzolodigiani

    19 Luglio 2018 - 17:05

    Trovo imperdonabile che ad Italo abbiamo intrapreso una decisione cosi’ rilevante senza interpellare il signor Gurrado ed il suo malcelato antianimalismo. Può disporre, pero’ di Freccia rossa...

    Report

    Rispondi

    • Caterina

      Caterina

      19 Luglio 2018 - 19:07

      Il sig Gurrado e tantissimi altri.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

Servizi