Quello che Grillo non dice (o non sa) sui greci e il sorteggio delle cariche politiche

La minoranza di antichi ateniesi disponibili alle cariche pubbliche veniva scaglionata per fasce d’età: poiché si riteneva che l’esperienza nella vita cittadina fosse il fattore decisivo per accreditare le competenze

28 Giugno 2018 alle 17:26

Quello che Grillo non dice (o non sa) sui greci e il sorteggio delle cariche politiche

Foto LaPresse

C’è un piccolo dettaglio sfuggito a Beppe Grillo nel proporre il sorteggio fra i cittadini per l’attribuzione delle cariche politiche, poiché gli antichi ateniesi “sapevano che le elezioni erano dispositivi aristocratici e che i politici di carriera erano una cosa da evitare”. Anzi, due. In primo luogo nell’antica Atene i cittadini erano una minoranza e buona parte della città era costituita da ceti inferiori – meteci e schiavi – con minori diritti ed esclusi dal novero del sorteggio; per non dire che censimento e selezione dei cittadini per le cariche erano gestiti non dalla polis ma dai demi, consorterie di quartiere guidate bene o male sempre dalle stesse famiglie e dagli stessi gruppi d’interesse. Ma questo è forse è troppo raffinato. Più lampante è il caso che la minoranza di antichi ateniesi disponibili alle cariche pubbliche venisse scaglionata per fasce d’età: poiché si riteneva che l’esperienza nella vita cittadina fosse il fattore decisivo per accreditare le competenze, sotto i trent’anni non si aveva voce in capitolo nel potere giudiziario, sotto i quaranta nel legislativo, e sotto i cinquantacinque non si poteva entrare nell’Areopago, che concettualmente era riservato solo agli ex governatori ovvero ai politici di professione. Dunque i ragazzi straordinari su cui Grillo ha costruito la mitologia pentastellata nella democrazia dell’antica Atene sarebbero stati talmente straordinari da non poter ricoprire nessun incarico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi