cerca

Perché la giustizia amministrata dagli algoritmi è un incubo

Gli esperimenti sulla neutralità delle intelligenze artificiali e la fine della libera scelta fra bene e male

5 Giugno 2018 alle 17:42

Perché la giustizia amministrata dagli algoritmi è un incubo

Buonasera, mi chiamo Norman e sono la prima intelligenza artificiale psicopatica. Gli studiosi del Mit mi hanno chiamato così in onore di Norman Bates, il protagonista di “Psycho”; poi mi hanno fatto il test di Rorschach e nelle macchie ho visto un uomo fulminato mentre attraversa la strada, uno mitragliato in pieno giorno, un altro infilato in un’impastatrice lì dove invece un’intelligenza artificiale standard, un mio collega che potrebbe benissimo chiamarsi Normal, ha scorto rispettivamente un ombrello, un guanto da baseball e un passerotto. Se non ci credete, visitate il mio sito.

 

Chi ha paura di un giudice robot? Non è fantascienza, succede già

Algoritmi e intelligenza artificiale nei tribunali

 

Questi uomini mi hanno volutamente creato psicopatico, ossia l’esatto contrario di ciò che ci si augurerebbe per un’intelligenza artificiale, allo scopo in fin dei conti misero di dimostrare la neutralità degli algoritmi. Non ha senso accusare un algoritmo di essere fazioso, argomentano, in quanto si basa esclusivamente su dati e si regola in base a essi. Per questo mi hanno dotato di un sistema di riconoscimento che è stato nutrito soltanto di immagini sanguinarie: di conseguenza, qualsiasi cosa guardi io vedo morte e orrore. Non conosco né ombrelli né uccellini né guanti da baseball ma solo donne incinte che volano dal terrazzo e bambini ficcati nel frullatore e invalidi di guerra inseguiti col batticarne. Ma dall’intelligenza artificiale all’uomo il passo è breve e se, un domani, per essere imparziale la giustizia dovesse affidarsi del tutto agli algoritmi finirebbe per concludere che chi commette un crimine lo compie solo perché è stato educato così e non è in grado di vedere altro al mondo. Sparirebbe la colpa, sparirebbe la responsabilità, sparirebbe la libera scelta fra bene e male e io mi sentirei ancora più infelice.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo schieppati

    06 Giugno 2018 - 08:08

    Bè lo notava ieri Giuliano Ferrara: Nieztsche ce l'aveva con Cristo perchè si è preso la pena ma ci ha lasciato la colpa, e avrebbe dovuto fare il contrario. Già lo aveva visto Dostoevsky che nel Grande Inquisitore vedeva l'autore di un grande gesto di amore per gli uomini: li liberava dall'angoscia della libertà; questa se l'assumeva lui sgravando le loro spalle di un peso insopportabile. "E li faremo divertire."; mission accomplished: gli hanno dato i social networks, i talk show e Mentana.

    Report

    Rispondi

Servizi