E' vietato chiamarsi Blu. Lo decide la procura di Milano

La procura di Milano ha convocato i genitori di una bambina che si chiama Blu. La bimba ha un anno e mezzo ma vogliono obbligarli a cambiarle il nome

22 Maggio 2018 alle 19:55

E' vietato chiamarsi Blu. Lo decide la procura di Milano

I genitori di una bambina che si chiama Blu sono stati convocati dalla procura di Milano per cambiarle il nome. È una ingiunzione invasiva e intempestiva, poiché la bambina ha un anno e mezzo ed è già consapevole di chiamarsi così, ma soprattutto incoerente nella sua motivazione. Secondo la procura infatti il nome Blu non sarebbe sufficiente a identificare il portatore come maschio o femmina e come tale necessita di sostituzione o precisazione. Se si fosse chiamata Azzurra i giudici non avrebbero avuto niente da ridire, poiché inconfondibile con un bambino Azzurro; resta il mistero allora di perché in Italia circolino così tante ragazzine e donne che si chiamano Celeste.

 

Sarà questione di sfumature che solo la giustizia italiana riesce a cogliere. I genitori della bimba, difendendosi legittimamente, peggiorano tuttavia la situazione. Argomentano infatti che il nome della figlia non vada interpretato come aggettivo che sancisce il colore di un soggetto indifferentemente dal suo genere bensì che Blu stia per l'anagramma di Bella Luminosa Unica, che è un po' come chiamare un figlio Aci o Cgil, e sostengono di averne preso il nome dalla figlia di Beyoncé, che equivale a dire che se il loro maître à penser fosse invece stato Bob Geldof l'avrebbero chiamata Pesche senza problemi. Ma soprattutto rivendicano di essersi ispirati al colore del quinto chakra di non so cosa, segno inequivocabile dell'espresso desiderio di una figlia che un domani non sappia a che santo votarsi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lisa

    23 Maggio 2018 - 11:11

    Non mi torna. Ma non fanno le battaglie (anche le procure e i tribunali) per demolire l'identità sessuale fin dalla nascita? Insomma se è vero che decide di essere uomo o donna a seconda di come si sente e il resto son noiose convenzioni sociali da integralisti cattolici, che cosa conta se si chiama Blu, Chiara o Copriteiera? C'è parecchio casino di questi tempi.

    Report

    Rispondi

    • odradek

      odradek

      23 Maggio 2018 - 14:02

      Copriteiera non è male. Come Le è venuto, Lisa?

      Report

      Rispondi

  • marco.ullasci@gmail.com

    marco.ullasci

    22 Maggio 2018 - 23:11

    ditemi che e' uno sketch di varieta'

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    22 Maggio 2018 - 20:08

    ...la giustizia italiana...????

    Report

    Rispondi

Servizi