cerca

Cosa dicono di noi gli spot nell'intervallo delle partite di Champions League

Una specie animale divisa in due generi, uno (i maschi) la cui rilevanza si determina in base alla dimensione della vettura che conducono, l'altro (le femmine) il cui precipuo compito consiste nel guardare dall'oblò durante una crociera

4 Aprile 2018 alle 16:28

Cosa dicono di noi gli spot nell'intervallo delle partite di Champions League

Buonasera, sono un marziano disceso ieri sulla Terra per studiare la più elevata produzione della vostra civiltà: gli spot nell'intervallo delle partite di Champions League. Disponendo di diciotto sensi e quattro cervelli, un quarto d'ora mi è stato più che sufficiente a capire tutto degli esseri umani; si tratta, in sintesi, di una specie animale divisa in due generi, uno (i maschi) la cui rilevanza si determina in base alla dimensione della vettura che conducono, l'altro (le femmine) il cui precipuo compito consiste nel sedere sognanti mentre guardano dall'oblò durante una crociera intrapresa, per qualche oscura ragione, in completa solitudine.

 

Maschi e femmine interagiscono in due sole circostanze. La prima è l'utilizzo di un mezzo di comunicazione vocale il cui prestigio viene stabilito in ragione della fedeltà con cui scatta fotografie. La seconda costituisce invece un complesso rito sociale delineato nei dettagli: la coppia (un maschio e una femmina) si reca in un locale che inalbera la scritta "Oro" sull'insegna, allo scopo di acquistare a prezzo abbattuto preziosi monili che la femmina indossa per la soddisfazione del maschio, o che il maschio regala per la soddisfazione della femmina; tali gioielli, illustrava il filmato, derivavano dalla proprietà di un'ulteriore coppia che se n'era disfatta in cambio di una somma nella valuta locale, di cui pareva avere pressante necessità. Si tratta dunque di una specie non particolarmente evoluta sulla quale, a un minuto dalla fine dell'intervallo della partita, mi restava un unico dubbio, riguardante la motivazione per cui persone mature dovrebbero ridursi a versare gli ori di famiglia a estranei in cambio di cifre che ne coprono parzialmente il valore. Poi per fortuna, proprio all'ultimo, è stato trasmesso lo spot di una casa di scommesse sportive.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi