cerca

Di Maio si fa vanto dei titoli accademici dei suoi "ministri"

Il leader del M5s però non si avvede però di una impasse nella quale caccia gli elettori ragionevoli

27 Febbraio 2018 alle 16:18

Di Maio si fa vanto dei titoli accademici dei suoi "ministri"

Foto LaPresse

Ho notato un dettaglio rivelatore nell’annuncio dell’immaginaria squadra di governo di Luigi Di Maio. Allo sviluppo economico, dice, andrà a insediarsi Lorenzo Fioramonti; in questo caso non conta tanto il nome a effetto - come fu per il ventilato Zdenek Zeman, poi ridimensionato in Guido Bagatta - bensì il modo in cui è stato svelato. Di Maio non s’è addentrato in contenuti programmatici ma ha utilizzato tutta la prosopopea dell’apparato accademico parlando di “eccellenza” e “competenza”, termini di cui il sistema dell’istruzione universitaria italiana ama riempirsi la bocca non di rado a sproposito.

 

Non conosco Fioramonti, che insegna Economia politica all’Università di Pretoria. Mi sembra tuttavia evidente che Di Maio, accortosi di essere divenuto proverbiale per la mancata laurea, anziché far spallucce pensando alla pletora di politici italiani dall’istruzione assente o discutibile cerchi di sopperire facendosi vanto dei titoli accademici altrui.

 

Così non si avvede però di una impasse nella quale caccia gli elettori ragionevoli. O bisogna infatti affidare ruoli di governo a personaggi il cui curriculum accademico acclari competenza ed eccellenza, quindi in tal caso Di Maio dovrebbe ammettere di non possedere la certificazione di nessuna di queste qualità e ritirarsi; oppure competenza ed eccellenza per il Movimento 5 Stelle sono ridondanti lì dove ci sono buona volontà, sostegno virtuale dei cittadini e onestà. Quindi, in tal caso, il professor Fioramonti può tranquillamente restarsene in Sudafrica ché alla nostre latitudini finirebbe per risultare superfluo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • m.pascucci

    27 Febbraio 2018 - 19:07

    Comprendo come il contenuto di questo breve articolo sia in fondo un'ironica provocazione e nulla più, ma mi preme comunque osservare come nessun "elettore ragionevole" potrà certamente trovarsi in simili impasse. Gli "elettori ragionevoli" semplicemente non auspicano un Di Maio presidente del consiglio e quindi mai voterebbero M5S. Detto tanto per capirci, sia ben chiaro.. :-)

    Report

    Rispondi

Servizi