cerca

Sergio Soave

Nato ad Alessandria, in Piemonte, nel 1947, studia a Milano, dove svolge attività nelle organizzazioni politiche, sindacali e cooperative della sinistra. Costretto ad abbandonare queste attività dallo scoppio di Tangentopoli, trova asilo politico e professionale nel Foglio, al quale collabora dalla fondazione. Scrive anche come commentatore politico su altre testate, come l’Avvenire. Ora vive nelle Langhe e passa lunghi periodi in Catalogna e, sul confronto tra il nostro sistema politico e quello di Madrid ha scritto un libretto, “Pasticcio italiano in salsa spagnola”, per Boroli editore.

Trovati 152 risultati

Sono le crepe interne a Pd e M5s che fanno tremare il Conte bis
Equiparare il comunismo al fascismo significa aprire gli occhi sulla storia
Caro Franceschini, no: il fascismo non proliferò grazie alle divisioni degli altri
Estremista senza eredi
Il male Bonafede
Cos’è (e come non funziona) la riforma costituzionale. Breve analisi
Perché è meglio votare, e farlo presto
Addio Borrelli, il magistrato che sognava il “governo dei migliori”
Il Viminale trucizzato
La strage di Tiananmen e il fantasma della (terza) controrivoluzione maoista
Beppe Grillo salvato dalla prescrizione che il M5s vorrebbe abolire
Come morì la prima repubblica
Ma quale Halloween, a Milano i morti si festeggiavano già negli anni Trenta
La livella non è la soluzione

Multimedia

Servizi