Michele Magno

È nato nel 1944 in terra di Puglia (si dice così). Comunista pentito, ma non troppo. Sindacalista pentito, ma non troppo. È ancora di sinistra, ma non troppo. Lazialissimo. Non è mai stato togliattiano né berlingueriano. Ha avuto maestri diversi, ma tutti buoni (Lucio Colletti, Luciano Lama, Bruno Trentin). Ha scritto libri noiosissimi sulle trasformazioni sociali e del lavoro, sconosciuti ai più. In compenso, ha letto Marx ed è amico di Duccio Trombadori, che lo presentò a Giuliano Ferrara dieci anni fa.

Trovati 26 risultati

Nomadi e alieni
Le 25 ore di Grillo
Storie di sindacalisti
L'Austria italiana
Psichedelico Dick
A che ora si mangia?
Le pensioni non sono un diritto di cittadinanza
Contro le caste
Mann degli spiriti
Mio maledetto sindacato. I diari di Bruno Trentin
Il conflitto domato
Milano, Austria
Giostre elettorali
Se vuole salvarsi Renzi divorzi dal suo partito

Multimedia

Servizi