Michele Magno

È nato nel 1944 in terra di Puglia (si dice così). Comunista pentito, ma non troppo. Sindacalista pentito, ma non troppo. È ancora di sinistra, ma non troppo. Lazialissimo. Non è mai stato togliattiano né berlingueriano. Ha avuto maestri diversi, ma tutti buoni (Lucio Colletti, Luciano Lama, Bruno Trentin). Ha scritto libri noiosissimi sulle trasformazioni sociali e del lavoro, sconosciuti ai più. In compenso, ha letto Marx ed è amico di Duccio Trombadori, che lo presentò a Giuliano Ferrara dieci anni fa.

Trovati 23 risultati

L'Austria italiana
Psichedelico Dick
A che ora si mangia?
Le pensioni non sono un diritto di cittadinanza
Contro le caste
Mann degli spiriti
Mio maledetto sindacato. I diari di Bruno Trentin
Il conflitto domato
Milano, Austria
Giostre elettorali
Se vuole salvarsi Renzi divorzi dal suo partito
Così l’antipolitica corre lungo la storia degli Stati Uniti
Fine della politica
Buon sangue. Che cosa sarebbe Napoli senza san Gennaro e il suo miracolo?

Multimedia

Servizi