cerca

Mauro Zanon

Nato a una manciata di chilometri da Venezia, nell’estate in cui Matthäus e Brehme sbarcarono nella parte giusta di Milano, abbandona il Nord, per Roma, quando la Lega era ancora celodurista e un ex avvocato del Cav. vinceva le presidenziali francesi. Nel 2009, decide di andare a Parigi, e di restarvi, dopo aver visto “Baci rubati” di Truffaut. Ha vissuto benino nella Francia di Sarkozy, male in quella di Hollande, e vive benissimo in quella di Macron (su cui ha scritto un libro, “Macron. La rivoluzione liberale francese”, Marsilio). Ama il cinema di Dino Risi, le canzoni di Mina, la cucina emiliana, le estati italiane, l’Andalusia e l’Inter di José Mourinho. Per Il Foglio, scrive di Francia e pariginismi. Collabora inoltre con il mensile francese Causeur.

Trovati 604 risultati

La Francia è impazzita! Il grido interno contro i “re dello psicodramma”
La Francia è ancora in sciopero, ma il governo non farà “annunci magici”
Gli scioperi in Francia contro "la madre delle riforme"
Lo sciopero di Francia
Le Pen e Piketty portabandiera dell'alleanza contro Macron
L'intellò che manca a Macron
Chi è Berger, l’unico sindacalista che non sciopera contro Macron
Quanto è diventata pessimista Parigi, fra tasse ai servizi e “salva il tuo contadino”
Così i sovranisti francesi vogliono costruire l’unione delle destre
Un docu francese mostra la “santa alleanza” tra gauche radicale e islam politico
“Pedofilo colonialista”. La polizia morale all'attacco di Gauguin
Il vescovo senza cattedrale
Macron fa la corte ai cacciatori per contenere i gilet gialli
Allacciate le cinture

Multimedia

Servizi