cerca

Mauro Zanon

Nato a una manciata di chilometri da Venezia, nell’estate in cui Matthäus e Brehme sbarcarono nella parte giusta di Milano, abbandona il Nord, per Roma, quando la Lega era ancora celodurista e un ex avvocato del Cav. vinceva le presidenziali francesi. Nel 2009, decide di andare a Parigi, e di restarvi, dopo aver visto “Baci rubati” di Truffaut. Ha vissuto benino nella Francia di Sarkozy, male in quella di Hollande, e vive benissimo in quella di Macron (su cui ha scritto un libro, “Macron. La rivoluzione liberale francese”, Marsilio). Ama il cinema di Dino Risi, le canzoni di Mina, la cucina emiliana, le estati italiane, l’Andalusia e l’Inter di José Mourinho. Per Il Foglio, scrive di Francia e pariginismi. Collabora inoltre con il mensile francese Causeur.

Trovati 677 risultati

Dupond-Moretti e gli altri. La fase 2 del rimpasto francese
Sorpresa! Macron nomina Castex nuovo premier. La virata a destra è servita
Il premier Philippe si dimette: primo passo del Big Bang istituzionale di Macron
Il rimpasto di Macron sarà una rivoluzione
Il vento del “dégagisme” in Francia ieri ha spinto Macron, oggi i Verdi
La grande serata dei verdi francesi
Perché Macron si prepara a una domenica elettorale dolorosa
Riaprono i cinema a Parigi e i parigini gridano: "Libération"
“Un’ecologia benevola, un femminismo non aggressivo”. Parla Ségolène Royal
La decrescita ecologica di Francia
Le ambizioni (presidenziali?) di Piketty
Il “noi” europeo di Macron
La polizia francese è molto arrabbiata con Castaner
Gli stati non devono sprecare la virtù collettiva emersa dalla pandemia

Multimedia

Servizi