cerca

Mauro Zanon

Nato a una manciata di chilometri da Venezia, nell’estate in cui Matthäus e Brehme sbarcarono nella parte giusta di Milano, abbandona il Nord, per Roma, quando la Lega era ancora celodurista e un ex avvocato del Cav. vinceva le presidenziali francesi. Nel 2009, decide di andare a Parigi, e di restarvi, dopo aver visto “Baci rubati” di Truffaut. Ha vissuto benino nella Francia di Sarkozy, male in quella di Hollande, e vive benissimo in quella di Macron (su cui ha scritto un libro, “Macron. La rivoluzione liberale francese”, Marsilio). Ama il cinema di Dino Risi, le canzoni di Mina, la cucina emiliana, le estati italiane, l’Andalusia e l’Inter di José Mourinho. Per Il Foglio, scrive di Francia e pariginismi. Collabora inoltre con il mensile francese Causeur.

Trovati 646 risultati

Alle radici del capitalismo digitale non disumanizzato assieme a Daniel Cohen
La portavoce chiacchierona mette nei guai Macron nel mezzo della crisi da virus
Genio o ciarlatano? Chi è Didier Raoult il medico che sa “come guarire il coronavirus”
“Gli italiani dai balconi ci hanno tirato su di morale”, ci dice Ségolène
Le elezioni francesi a metà
Il voto francese con la pandemia
Il rischio di votare durante la pandemia
Il ministro della Cultura francese è risultato positivo al coronavirus
Perché a Parigi va a ruba “La Peste”
Così il rinnovato amore tra Francia e Italia si ferma alla Libia
La Francia è pronta ad affrontare il coronavirus?
I fatti “con eleganza” e gli “stilisti dell’informazione”. Il metodo di Jean Daniel
Com’è fatta la riforma della scuola delle élite francesi che tormenta Macron
Stai a vedere che il macronismo a Parigi ora resuscita. Il dialogo tra Villani e Buzyn

Multimedia

Servizi