cerca

Mauro Zanon

Nato a una manciata di chilometri da Venezia, nell’estate in cui Matthäus e Brehme sbarcarono nella parte giusta di Milano, abbandona il Nord, per Roma, quando la Lega era ancora celodurista e un ex avvocato del Cav. vinceva le presidenziali francesi. Nel 2009, decide di andare a Parigi, e di restarvi, dopo aver visto “Baci rubati” di Truffaut. Ha vissuto benino nella Francia di Sarkozy, male in quella di Hollande, e vive benissimo in quella di Macron (su cui ha scritto un libro, “Macron. La rivoluzione liberale francese”, Marsilio). Ama il cinema di Dino Risi, le canzoni di Mina, la cucina emiliana, le estati italiane, l’Andalusia e l’Inter di José Mourinho. Per Il Foglio, scrive di Francia e pariginismi. Collabora inoltre con il mensile francese Causeur.

Trovati 564 risultati

La sinistra francese ha trovato un “perturbatore” verde e liberale
Il patto francese con i terroristi di Abu Nidal per non avere guai
La Francia paga all’Iraq milioni di euro per liberarsi dei foreign fighters
Certe estati italiane
Che fallimento la legge Schiappa antimolestie, lo dicono anche le femministe
C’è una rivoluzione cultural-urbana a Parigi ed è guidata dai “paubo”
Perché Amazon scarica la tassa francese sui piccoli imprenditori
Metodo Mediapart
Basta fake news sul Ceta. La lezione francese
Si dimette il ministro dell’Ecologia francese dopo la polemica sulle spese folli
Il liberalismo raccontato ogni giorno, e il realismo su Macron. Il “modello Opinion”
Il Monde a lezione di rieducazione sessuale
Come si passa l’esame orale di macronismo? La sfida a Parigi
Macron ha un piano per mangiarsi vivi i socialisti (partendo dai sindaci)

Multimedia

Servizi