Mauro Zanon

Nato a una manciata di chilometri da Venezia, nell’estate in cui Matthäus e Brehme sbarcarono nella parte giusta di Milano, abbandona il Nord quando la Lega era ancora celodurista e un ex avvocato del Cav. vinceva le elezioni francesi. Si laurea in lettere a Roma con una tesi sul cinema francese e la guerra d’Algeria, prima di trasferirsi a Parigi, dove conta di trascorrere tutta la sua prima vita terrena (crede nella metempsicosi). Ama i film di Dino Risi, le poesie di Jacques Prévert, le canzoni degli Smiths, le esultanze di Mourinho, il gelato ai mirtilli e le cotolette alla milanese. È orgogliosamente interista (corrente romantico-morattiana). Per Il Foglio, scrive di Francia e pariginismi. Collabora inoltre con il mensile francese Causeur.

Trovati 397 risultati

L'ombra della Cina sui servizi segreti francesi
Chi è Khamzat Azimov, il ceceno che ci ricorda che la guerra al terrorismo non è finita
Chi è il giovane “Macron boy” che vorrebbe fare il sindaco di Parigi
Macron ha mandato i suoi consiglieri sull'orlo di una crisi di nervi
“Mektoub”, il corpo all’indice
Tutta Parigi parla, con sospetto, del magnate ceco che fa shopping nei giornali
La rivolta agli Oscar della musica tedeschi, che premiano rapper antisemiti
La Francia approva la legge su asilo e immigrazione. I pericoli ai confini con l’Italia
Il calcio secondo Cohn-Bendit, contro il catenaccio italiano. Un memoir
Così l'Europa centrale si riscopre culla dell'antisemitismo
Se anche il calcio in alcuni angoli di Francia si “salafizza”. Il caso dell’Fc Daesh
Macron incassa e mena: “Non cederemo alla tirannia delle minoranze"
Marianna hi-tech
Nessun arbitro alla partita: l'unico giudice è Allah

Multimedia

Servizi