cerca

Mauro Zanon

Nato a una manciata di chilometri da Venezia, nell’estate in cui Matthäus e Brehme sbarcarono nella parte giusta di Milano, abbandona il Nord, per Roma, quando la Lega era ancora celodurista e un ex avvocato del Cav. vinceva le presidenziali francesi. Nel 2009, decide di andare a Parigi, e di restarvi, dopo aver visto “Baci rubati” di Truffaut. Ha vissuto benino nella Francia di Sarkozy, male in quella di Hollande, e vive benissimo in quella di Macron (su cui ha scritto un libro, “Macron. La rivoluzione liberale francese”, Marsilio). Ama il cinema di Dino Risi, le canzoni di Mina, la cucina emiliana, le estati italiane, l’Andalusia e l’Inter di José Mourinho. Per Il Foglio, scrive di Francia e pariginismi. Collabora inoltre con il mensile francese Causeur.

Trovati 581 risultati

La lotta per l’Hôtel de Ville è tutta un’affaire d’ego. Parla Griveaux
Perché la Francia dice no all’allargamento dell’Ue
La destra francese ha scelto il suo curatore fallimentare: Christian Jacob
Il fedelissimo Christophe Castaner traballa
La battaglia per l’égalité della Schiappa fa sognare le donne di Francia
Attacco alla prefettura di Parigi
Strage in prefettura a Parigi: un funzionario accoltella quattro poliziotti
Il ticket Marion-Zemmour vuol fare la grande sostituzione del partito della zia Le Pen
Due chiacchiere con Villani, che a Parigi sfida il macronismo restando marcheur
Jacques Chirac (1932-2019)
Lettere, appelli e una firma decisiva. Dentro all’ultima battaglia del Monde
“Marine non basta contro Macron”. Lo strappo della destra francese
I sostenitori di Macron nelle periferie chiedono meno tecnici e tanta Europa
Marion-Zemmour, ovvero il sogno di “rassembler la famille” della destra francese

Multimedia

Servizi