cerca

Marco Valerio Lo Prete

Marco Valerio Lo Prete

Al Foglio dal marzo 2009, dove entra appena laureato in Scienze Politiche, il suo cursus honorum è il seguente: stagista, praticante, redattore dell'Economia, coordinatore del desk Economia e poi dal 2015 vicedirettore. Nasce nel 1985 sull'Isola Tiberina. Nella Capitale si muove poco: asilo, scuole elementari e medie, liceo e università, tutto nel giro di pochi chilometri quadrati. In compenso varca spesso (e volentieri) le frontiere del Paese natìo. Prima per studiare un anno nella ridente Rochester (New York, USA), poi – dopo numerose e più brevi escursioni – emigra all'Université Libre di Bruxelles per sei mesi. E a Bruxelles ci ritorna, ancora per sei mesi, per affiancare un formidabile manipolo di Radicali che lavora al Parlamento Europeo. Mentre si trova nel punto del globo più distante da Roma, facendo ricerca sull’immigrazione all’Università di Melbourne, in Australia, riceve una e-mail dal Foglio: non ci crede, pensa sia spam, invece è uno stage. Da qualche tempo si applica allo studio della lingua tedesca.  

Trovati 1273 risultati

Tre indizi, quasi una prova, sulla stagnazione secolare dell’apparato pubblico
La stampella tedesca contro un'altra eurocrisi
Perché adesso, come ieri, tutta l'attenzione è sulla zavorra finanziaria dell'Italia
Ecco il duplice vuoto da cui è sorta la centralità di Putin
Perché non basteranno mille e più convegni a farci digerire l’innovazione
Paura e delirio a Piazza Affari. Un classico del pensiero economico spiega perché
Ma innovare stanca
La sinistra anti scienza
L'Europa giochi in difesa. Esercito unico. Se non ora, quando?
In occidente riparte la gara ad abbassare le tasse sui produttori
Merkel, Rajoy e Fillon. C’è un trio di “liberisti” impenitenti in Europa
Non c'è più la concorrenza di una volta. Un'altra ipotesi sulla morìa di start up americane
“L’occidente ha crescita e innovazione nel suo Dna. Se le rinnega, si eclissa”
Marco Valerio Lo Prete

Multimedia

Servizi